Giovedì 20 gennaio a Roma dopo la manifestazione pacifica a piazza Barberini in occasione dell’insediamento del nuovo presidente USA, una delegazione di responsabili delle associazioni: Accademia Kronos, Lega Ambiente, Lipu, WWF, fondazione UniVerde e la senatrice Pellegrino, si è recata presso l’ambasciata americana di via Veneto, dove è stata ospitata e ascoltata.

Si attenua finalmente la morsa di gelo soprattutto sulle regioni del centro versante Adriatico, dove le temperature torneranno su livelli stagionali e anzi leggermente più alte. Arriva però la pioggia che interesserà soprattutto il versante nord e centro occidentale, quindi gran parte delle coste nord e centro Tirreniche. Al nord purtroppo torna la nebbia su pianure e vallate e il leggero aumento della temperatura fa temere nuove valanghe su Alpi e Appennino centro settentrionale.

Gli Italiani sono sempre più amici degli animali e sensibili alle tematiche ambientali. Lo dimostra il boom di petizioni online sull’argomento, che si possono firmare tramite vari siti come: www. firmiamo.it, www.lav.it, www.change.org, www.animalisti.it, www.avaaz.org, www.petizioni24.com, ecc. Tali siti danno la possibilità di intervenire contro la crudeltà nei confronti degli animali e in loro difesa, e rilevano l’aumento sia degli argomenti affrontati, sia delle firme raccolte.

Nella mitologia greca Tritone era uno dei figli del dio del mare Poseidone, che, suonando un corno a forma di conchiglia, aveva la facoltà di calmare le tempeste e annunciare l’arrivo del padre. La metà superiore del corpo era umana mentre quella inferiore aveva fattezze di pesce. In biologia con Tritone si identifica un genere di anfibi urodeli (dotati di coda), che, logicamente, hanno ben poco da condividere con la controparte mitologica.

E’ ormai noto come, a causa dei pesticidi chimici, le api siano già in forte declino... e a farne le spese sono l’ambiente, il nostro cibo e l’agricoltura. Un recente studio ha mostrato che gli insetticidi "neonicotinoidi" sono pericolosi non solo per le api, ma anche per farfalle, bombi, insetti acquatici e uccelli, con possibili ripercussioni su tutta la nostra catena alimentare.