dal nostro Centro Studi del mare di Savona (a cura di Max Calzia)

Giorni fa abbiamo avuto la gradita sorpresa di avvistare nelle acque di Genova-Voltri quattro orche, tra cui una madre con il cucciolo. Eravamo emozionati perché la presenza di questi mammiferi marini è un fatto rarissimo nel nostro mare. Inizialmente credevamo non esserci problemi perché nuotavano tranquille e per nulla infastidite dalla presenza di diportisti intenti a filmarle. Poi invece abbiamo intuito che c’era qualcosa che non andava, infatti le orche erano intente a proteggere vistosamente il cucciolo, evidentemente malato, cercando di portarlo in acque più calde e tranquille per consentirgli di riprendersi.

Abbiamo seguito con il cannocchiale l’evoluzione giorno dopo giorno, poi ci siamo accorti che il piccolo non emergeva più dal mare e, quindi, non dava più segni di vita. Straziante il comportamento della madre che ad oggi (10 dicembre) lo tiene ancora a galla sperando in un miracolo. Sappiamo che questi mammiferi soffrono molto per la morte dei loro figli e non si rassegnano facilmente, infatti, probabilmente, ci vorranno ancora una decina di giorni prima di abbandonare il piccolo ai flutti del mare. Quando si spiaggerà capiremo di cosa è morto e vi terremo informati.

Articoli correlati

Accademia Kronos si schiera senza indugio con il territorio Ligure, secondo noi la recente decisione di autorizzare la ricerca mineraria su diversi Comuni del Levante Ligure va a discapito delle persone sempre più povere, del ceto medio sempre più esiguo, della terra sempre più sfruttata è ammalata.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.