Quattro anni fa AK presentò all’allora Ministro dell’Agricoltura un progetto che prevedeva di intervenire nella questione della diminuzioni delle api nel mondo. Il progetto fu ufficialmente presentato, e lo stesso ministro espresse molto interesse, ma poi non si fece più nulla…

I progetti in realtà erano tre, due dei quali riportati sul nostro dossier “ La sesta estinzione di massa” del 28 agosto 2018 (questo documento si può richiedere a: ak@accademiakronos.it). Per motivi di spazio in questo articolo ci limiteremo a presentare quello di sensibilizzazione del mondo agricolo, nel senso di destinare, nei terreni degli agricoltori aderenti al progetto, uno spazio da 100 a 300 mq esclusivamente agli insetti pronubi, tra cui, ovviamente la api. In questo spazio, grazie alla collaborazione della facoltà di Agraria dell’Università della Tuscia e alla collaborazione dell’UCI, si sarebbero piantati fiori e arbusti “apprezzati” dagli insetti impollinatori. Un’area definita “Oasi della Vita” e contrassegnata da cartelli realizzati da noi di AK. Oltre a ciò il Ministero dell’Agricoltura ed anche gli Assessorati agricoltura delle regioni avrebbero riconosciuto a questi agricoltori un qualche “benefit”. Ovviamente l’area destinata alle api non doveva subire alcun trattamento chimico, e non solo, anche i campi confinanti avrebbero dovuto limitare l’uso di fitofarmaci. Sembrava un cosa fatta, ma poi sono prevalsi nell’ambito del Governo di allora altre questioni e questa, di estrema importanza per il nostro futuro, venne accantonata. Comunque noi di AK non demordiamo e continuiamo ad andare avanti… prima o poi ci ascolteranno.

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.