a cura di Franco Floris

Io faccio la mia parte, noi facciamo la nostra parte, voi fate la vostra parte, non dobbiamo più usare prodotti che ipotecano il nostro futuro, vedi l’olio di palma. L’industria alimentare per guadagnare sempre di più in modo diretto distrugge, nel silenzio più assoluto, le foreste e chi ci abita! Migliaia di ettari di foresta vengono distrutti per far posto alle piante di palma per produrre olio di palma, così da soddisfare le richieste sempre più forti da parte dell’industria alimentare. Pensate ai danni irreversibili che stiamo recando alla nostra Madre Terra!!!

Ricordo che la foresta è vita, vita vera!!! Senza dimenticare che se distruggiamo i nostri “polmoni verdi”, i gas serra aumenteranno in maniera esponenziale moltiplicando problemi su problemi, vedi i cambiamenti climatici. Dobbiamo uscire allo scoperto, non limitandoci più a confessarci tra di noi, dobbiamo sensibilizzare il pubblico al problema, magari cominciando dalle scuole. L’orango che si difende dai bulldozer senza riuscirci deve essere aiutato, noi possiamo farlo e lo faremo.
Nel mentre noi non possiamo stare in silenzio, sia chiaro non è un problema sanitario, per me l’olio di palma se lo possono pure  bere, io… preferisco l’olio di oliva del nostro Mediterraneo.

Cari amici, Accademia Kronos, ve lo garantisco, farà la sua parte, aiutateci nel coinvolgere più persone possibili, il mondo dell’informazione e le istituzioni. Non possiamo restare passivi mentre distruggono il nostro pianeta. Ognuno cominci a fare la “propria parte” per l’ambiente e la qualità della vita soprattutto per le generazioni future. Questo non è un semplice messaggio di sensibilizzazione verso uno dei tanti problemi ambientali, questo è un invito a mobilitarsi, a scendere con noi nelle piazze per dire: BASTA!!!

olio di palma - basta

Articoli correlati

Stiamo assistendo al declino di tutti i modelli di società che dal dopoguerra ad oggi hanno cercato di governare il mondo. Con la caduta del muro di Berlino abbiamo assistito alla fine del modello comunista ed oggi avvertiamo la fine del capitalismo. Sono sotto gli occhi di tutti le evidenti "crepe" che stanno per far crollare tutta l’impalcatura costruita da una società che ha puntato fortemente sul profitto di pochi a danno dei tanti e sulla "rapina e distruzione" dell'Ambiente.

Proseguono i controlli da parte dei militari del Comando Stazione Carabinieri di Borgo Carillia e del Nucleo Provinciale Guardie Ambientali Accademia Kronos presso le aziende zootecniche, al fine di accertare la corretta gestione degli effluenti zootecnici e le modalità di smaltimento dei rifiuti prodotti.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.