dal coordinamento Guardie Ecologiche Volontarie di Accademia Kronos

L’inverno per gli uccelli è un periodo molto difficile, non tanto per il freddo, quanto per il cibo. Infatti un volatile resiste al freddo senza problemi se riesce a nutrirsi bene. Se poi arriva la neve è un vero dramma. Allora gli amici delle GEV vi invitano a mettere a disposizione dei nostri piccoli amici una mangiatoia che potrete costruire direttamente o acquistarla in un negozio per animali.
Ecco alcune regole importanti per chi volesse costruire una mangiatoia.
La mangiatoia, di cui si forniscono in questo articolo alcuni esempi pratici, deve essere di color legno o di color verde pallido. I colori forti non piacciono agli uccellini.
La mangiatoia va posizionata sul balcone, lontana dalle finestre e in un luogo discreto. Se gli uccelli vedono che la frequentate troppo spesso, non si avvicinano. Se avete un giardino va posizionata ad un’altezza in cui i gatti non possono arrivarci. Importante è l’igiene: la base della mangiatoia va spesso pulita. Il cibo da mettere non deve essere eccessivo. Sarà bene mettere in un lato della mangiatoia, lontana dai semi o briciole di dolci, anche una tazzina con acqua. L’operazione di pulizia e di approvvigionamento cibo va fatta possibilmente al buio, così che i volatili non vedendovi, non siano più sospettosi.
Cosa dar come cibo: vanno escluse le molliche di pane perché troppo poco nutrienti, vanno eliminati anche il sale e le spezie come il pepe, vanno date invece frutta secca, arachidi non salate, molliche di panettone e vari semi. Sempre nei negozi per animali si vendono confezioni di semi misti per uccellini.
Il pericolo è che volatili più grandi e prepotenti come i corvi e i piccioni possono approfittare e cacciare i piccoli uccelli dalla mangiatoia. In questo caso vanno realizzate aperture che i grandi volatili non possono usare. Le mangiatoie vanno posizionate da novembre a marzo, poi vanno tolte e questo per non interferire con l’allevamento della prole.

mangiatoie per uccelli

Articoli correlati

A fine marzo ha fatto clamore la notizia della morte dell’ultimo esemplare maschio di rinoceronte bianco con conseguente estinzione della specie. Le cause che hanno portato alla sua estinzione, inutile dirlo, non sono state naturali, ma indotte dall’attività di sfruttamento/bracconaggio dell’uomo!

Qual'è la situazione attuale? Abbiamo ancora tempo per invertire la rotta? Come possiamo evitare di finire in un mare di plastica? Se filtrassimo tutte le acque salate del mondo, scopriremmo che ogni chilometro quadrato di esse contiene circa 46.000 micro particelle di plastica in sospensione! Numeri impressionanti di un fenomeno che non è circoscritto alle cinque "isole di plastica" in continuo accrescimento negli Oceani, ma tocca anche il nostro Mar Mediterraneo.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.