IN OCCASIONE DELLA COP 24 A KATOWICE (POLONIA)

Una serie di vicissitudini e problemi di carattere burocratico alla fine hanno reso impossibile l’organizzazione della “Pedalata per il Clima”, in programma per domenica mattina 2 dicembre a Roma, che Accademia Kronos aveva annunciato da tempo. La manifestazione si sarebbe dovuta tenere in collaborazione con ACSI Ciclismo e con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma, coinvolgendo anche Coalizione Clima.

Per cui, preso atto della realtà, abbiamo comunque deciso di fare la nostra parte domenica 2 dicembre cercando di informare l’opinione pubblica dell’importanza delle decisioni che verranno prese a Katowice nei prossimi giorni.

Noi saremo in piazza!
Domenica 2 dicembre, a partire dalle ore 10.00, gruppi dei nostri osservatori ambientali, muniti di fratini di AK, delle nostre guardie eco zoofile in divisa e di normali cittadini, partendo da tre punti diversi del centro di Roma, raggruppati in piccoli numeri con le bandiere della nostra campagna “Io faccio la mia parte“, si incammineranno verso Piazza del Popolo. Lungo il percorso distribuiranno il volantino della manifestazione. Infine a Piazza del Popolo, intorno alle 11,30, si terrà il nostro APPUNTAMENTO PER IL CLIMA. A conclusione del breve incontro verrà consegnato a tre drappelli di ciclisti un nostro messaggio (riprendente i contenuti dell’appello fatto da Coalizione Clima), che sarà portato all’Ambasciata Polacca, al Quirinale e al Vaticano.

I punti di raccordo dei gruppi che poi partiranno alla volta di Piazza del Popolo sono i seguenti:
– Piazza San Silvestro – Valter Cacciotti
– Piazza Augusto Imperatore – Ernesto D’Alfonso
– Piazzale Flaminio – Armando Bruni

>> VOLANTINO DELL’INIZIATIVA <<

Articoli correlati

L'IPCC (International Panel on Climate Change), il principale Organismo internazionale per le valutazioni sui cambiamenti climatici, afferma che abbiamo solo 12 anni per dimezzare le emissioni inquinanti che vanno azzerate entro il 2050, altrimenti non riusciremo a mantenere il riscaldamento globale entro +1,5°.

(Fonte: RivistaNatura.com) Dopo essere stato sull’orlo dell’estinzione negli anni ’70, il lupo è tornato a popolare il territorio italiano e la sua diffusione cresce di anno in anno, come dimostrano i dati presentati dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nel corso del convengo "Verso un Piano nazionale di monitoraggio del lupo", tenutosi a Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.