Da settembre scorso le fiamme continuano a divorare le foreste dell’Australia e questo anche, anzi soprattutto, a causa dei cambiamenti climatici che hanno provocato una lunga siccità. Venti continui, attivati dagli stessi roghi e temperature che in alcuni casi raggiungono i +50 °C sono alla base del disastro! Si pensi che la stagione calda deve ancora arrivare!

Oggi a gennaio il fuoco continua, come mai era accaduto a memoria d’uomo, ad incenerire alberi e case, senza che migliaia di pompieri e aerei riescano a fermarlo. Una raccapricciante mattanza di animali, solo per i koala si parla di una strage paragonabile al 30% di tutta la popolazione australiana!

Questa situazione deve interessarci direttamente perché la distruzione delle foreste australiane significa in particolare 3 cose: Diminuzione drastica della produzione di ossigeno in questo continente, l’aumento di gas climalteranti in atmosfera e fine della funzione sink delle foreste (ossia la capacità di assorbire la CO2). Tutti ormai conosciamo il fenomeno detto dell’Effetto Farfalla in meteorologia: “Un battito d’ali in Africa può incidere su eventi meteo in Siberia”. La morale è che quanto sta accadendo in Australia porterà per tutto il 2020 un ulteriore acceleramento del riscaldamento globale nell’atmosfera e, quindi, un aumento dei fenomeni meteo estremi su tutto il globo!

Articoli correlati

Sulla base del nostro invito rivolto a soci, amici e lettori circa l’indagine per scoprire se la raccolta differenziata dei rifiuti nei comuni segua la regolare filiera, dalla porta a porta all’ente di trasformazione della materia seconda, le adesioni non sono mancate e molti hanno iniziato ad interessarsi. Pertanto volta per volta daremo i risultati. Al momento abbiamo il primo risultato che, guarda caso, interessa il comune che ospita la sede legale di Accademia Kronos. Stiamo parlando di Ronciglione in provincia di Viterbo.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.