a cura della Sezione Provinciale AK di Salerno

Territorio ancora sotto controllo da parte dei militari del Comando Stazione Carabinieri di Serre e delle Guardie Ambientali del Nucleo Provinciale Accademia Kronos di Salerno per prevenire e reprimere i reati ambientali. Un’importante attività (circa 20 giorni fa) ha permesso di accertare che il titolare di un’azienda zootecnica da tempo smaltiva illecitamente i reflui provenienti dalle vasche di stoccaggio del letame, direttamente sul terreno dove, sotto forma di rigagnoli, lentamente si infiltrava determinando l’inquinamento del suolo. A seguito di tale iniziale attività i militari ed il personale tecnico del Nucleo Guardie Ambientali AK procedevano a verificare le modalità di gestione dei reflui provenienti dal lavaggio della sala mungitura, accertando che parte di essi confluivano in una vasca e si disperdevano direttamente nella stessa area di stabulazione del bestiame.

L’intervento che nell’ambito della Campagna Nazionale a tutela e salvaguardia dell’ambiente denominata “Io faccio la mia parte” ha consentito altresì di accertare che il titolare dell’azienda aveva consentito ad aziende compiacenti di smaltire all’interno del centro aziendale ingenti quantitativi di materiali bitumosi ed in particolare sfridi provenienti dalla scarificatura del manto stradale per poi distribuirli e spianarli all’interno della sua azienda. I militari dopo aver accertato tale illecita attività procedevano ad una accurata ispezione dell’area, accertando altresì che il centro aziendale era interessato dalla presenza di altri rifiuti speciali non pericolosi depositati direttamente su suolo nudo.

Al termine delle operazioni di ispezione i militari ed il personale AK, dopo aver proceduto ad un accurato controllo dei documenti con particolare attenzione alla documentazione inerente la gestione dei rifiuti, accertavano che anche in questo caso, nonostante l’azienda fosse presente sul territorio da molti anni, non era in grado di dimostrare ne fornire in visione alcun documento utile a verificare secondo quali modalità avesse smaltito i contenitori delle sostanze acide (rifiuti speciali pericolosi).

Considerato il diffuso fenomeno di inquinamento presente in azienda, si è proceduto al sequestro dell’intero centro aziendale ed alla denuncia alla Autorità Giudiziaria dell’imprenditore agricolo per illecito smaltimento di rifiuti e realizzazione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali non pericolosi.

salerno (1)

salerno (2)

Articoli correlati

Ci sono voluti più di tre mesi con relativi passaggi dei satelliti "sentinel" dell’ESA e prelievi diretti sui due laghi per concludere la fase della raccolta dati sullo stato di salute dei laghi laziali di Castel Gandolfo e Vico. Ora si tratta di trarne le conclusioni e fornire i risultati definitivi. Per sapere come realmente stanno questi laghi si è pensato di organizzare entro la fine dell’anno una conferenza stampa in un istituto prestigioso di Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.