Incontro tra Accademia Kronos e il Gen. C.A. Antonio Ricciardi comandante dei Carabinieri-Forestali

Un incontro-festa, come accadeva una volta, parlando di animali e ambiente, ma con contenuti d’alto livello legati al mondo dei cavalli. A Manziana mercoledì mattina si è tenuto un incontro tra allevatori di cavalli, il vertice dell’Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri con la presenza del Generale Antonio Ricciardi e Accademia Kronos. Si è parlato della salvaguardia dei cavallini della Giara, animali di origine fenicia che da oltre 2500 anni hanno trovato spazio in Sardegna, ma che oggi sono a rischio di estinzione. Il gruppo di Accademia Kronos di Manziana tramite i suoi capofila, Rossano ed Alessandra, un paio di anni fa hanno portato nel loro galoppatoio alcuni esemplari di questi cavalli, sperimentando successivamente l’accoppiamento con cavalli maremmani e questo per migliorare e rafforzare la razza dei Giarini. L’esperimento è riuscito pienamente, infatti sono nati due puledri che godono di ottima salute.

Un tentativo questo che dà speranze concrete sulla salvaguardia di tutta la razza dei cavallini della Giara. I Carabinieri-Forestali, visto che tra i loro compiti hanno quello della salvaguardia e miglioramento dei cavalli italiani, hanno voluto vedere con i propri occhi i due puledri nati da questo incrocio sperimentale. Mercoledì mattina, pertanto, presso un vasta area, messa a disposizione dalla locale Università Agraria, si è svolto l’incontro con i cavallini della Giara e i vertici dei Carabinieri-Forestali. Il tutto in un’atmosfera di cordialità e di serena amicizia. Era presente anche il sindaco Bruno Bruni di Manziana e altri consiglieri. Questo potrebbe rappresentare l’inizio di una collaborazione più concreta tra i responsabili dei Carabinieri-Forestali addetti alla preservazione e miglioramento delle razze equine italiane e Accademia Kronos. Alla manifestazione erano stati invitati anche dei bambini che hanno potuto sperimentare il diretto contatto con i cavalli.

manziana 01

manziana 03

Articoli correlati

Ci sono voluti più di tre mesi con relativi passaggi dei satelliti "sentinel" dell’ESA e prelievi diretti sui due laghi per concludere la fase della raccolta dati sullo stato di salute dei laghi laziali di Castel Gandolfo e Vico. Ora si tratta di trarne le conclusioni e fornire i risultati definitivi. Per sapere come realmente stanno questi laghi si è pensato di organizzare entro la fine dell’anno una conferenza stampa in un istituto prestigioso di Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.