a cura di Daniela Rosellini (fonte: HuffingtonPost.it)

Braccio di Ferro mangiava spinaci ogni giorno per rinforzare i muscoli, ma anche se questo è soltanto un falso mito, che attribuiva erroneamente alla gustosa verdura un alto contenuto di ferro, gli spinaci hanno molte altre importanti e salutari proprietà. Ad esempio, se assunti con regolarità, aiutano a migliorare la memoria.

Secondo un nuovo studio, consumare solo una porzione giornaliera di spinaci, o di qualsiasi tipo di foglia verde, può infatti aiutare a rallentare il processo di declino cognitivo associato all’età. Il motivo? La vitamina K. Un gruppo di ricercatori della Rush University di Chicago, analizzando le diete e le funzioni mentali di 954 anziani nel corso di un periodo di cinque anni, ha trovato che coloro che avevano ingerito più verdura nella loro dieta erano anche più forti mentalmente.

I ricercatori hanno monitorato le diete dei partecipanti, la cui età media era di 81 anni, per circa cinque anni. Hanno scoperto che le persone che avevano mangiato una o due porzioni al giorno di verdure a foglia verde avevano le stesse capacità cognitive di persone di 11 anni più giovani che non le avevano mai consumate.
“Nessun altra ricerca ha esaminato la vitamina K in relazione al mutamento delle capacità cognitive nel corso del tempo, e solo un numero limitato di studi ha trovato qualche associazione con la luteina,”, ha detto Martha Clare Morris, Sc.D., assistente di ricerca della Rush University Medical Center e leader del team dello studio.

Oltre agli spinaci, infatti, verdure come cavoli e bietole potrebbero anche essere efficaci nel rallentare il processo di invecchiamento del cervello. Studi precedenti hanno trovato che sia il folato che il beta-carotene sono dei veri e propri stimolatori cerebrali.
Il team ritiene che altri alimenti ricchi di questi nutrienti, come gli asparagi, i cavolini di Bruxelles e le carote potrebbero fornire gli stessi vantaggi.
“Dal momento che il declino della capacità cognitiva è un argomento centrale per le malattie come l’Alzheimer e la demenza senile, l’aumento del consumo di verdure a foglia verde potrebbe offrire un modo molto semplice, conveniente e non invasivo per proteggere il cervello”, ha detto Morris.

spinaci

Articoli correlati

E’ ormai indiscutibile che la genomica è la scienza sulle cui evidenze si erigerà la moderna e scientificamente fondata "medicina della prevenzione", che, per il bene delle persone e della società, ci auguriamo possa sostituire quanto prima l’attuale e ormai superata "medicina sintomatologica", la medicina del solo sintomo e del solo farmaco, incurante delle sofferenze umane ed insensibile alla prevenzione delle patologie.

Nel suo lungo storico cammino conoscitivo la mente umana spesso si disperde, anzi il più delle volte è indotta a farlo dai potenti interessi economici delle lobby che prosaicamente governano il mondo, in generiche approssimazioni, che nella realtà quotidiana si traducono nell’impossibilità di fornire alle persone un modello esistenziale sereno, una buona salute e un’alta qualità di vita.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.