TORNADO ANCHE IN ITALIA

Non solo negli USA tornado violenti e distruttivi, anche in Italia e precisamente in Emila Romagna, pochi giorni fa, si sono registrati ben 4 trombe d’aria (tornado), che hanno causato danni alle persone e alle cose. Ovviamente di minor energia rispetto ai tornado USA, ma tuttavia sempre violenti e impressionanti. L’area che ha subito maggiormente questi fenomeni meteo è stata quella compresa tra Modena e Bologna. I maggiori danni alle cose si sono avuti nei comuni di: Bentivoglio, Castelfranco Emilia, Gaggio, Minervio e Nonantola. Un anno fa questi comuni venivano colpiti da un altro Tornado.

“BOMBE D’ACQUA” SULLE MARCHE

Negli ultimi giorni della settimana appena trascorsa l’insistenza della pioggia, definita in alcune zone “monsonica”, sul nostro fragile territorio, ha prodotto danni a cose e persone. Al momento le vittime accertate sono 2. In particolare vere e proprie bombe di acqua si sono abbattute su Ancona e su Senigallia, facendo straripare corsi d’acqua e allagando paesi e campagne. Valanghe di fango hanno reso difficilissima la circolazione veicolare su molte strade. Il fiume Misa nella sua travolgente piena ha ucciso un uomo e bloccato cento persone tra studenti e docenti nei piani alti dell’istituto scolastico cittadino “Corinaldesi”. Era prevista questa situazione meteo? In effetti la protezione civile aveva allertato molte città in provincia di Ancona, tuttavia non ci si aspettava una così violenta reazione meteo che ha preso tutti alla sprovvista.

bombe_dacqua_nelle_Marche

 

Articoli correlati

La rituale disamina della stima delle temperature medie globali dell’anno passato, mediante l’analisi dei dati grezzi e grigliati, mostra come il 2017 non abbia battuto il record stabilito un anno prima dal 2016, ma ci sia andato comunque molto vicino. Infatti, nella classifica degli anni più caldi, il 2017 si colloca al secondo posto sopra il 2015, con valore di anomalia, + 0,51o °C rispetto al periodo 1981-2010, +1o °C rispetto all’inizio del secolo.

Secondo una ricerca dell’Università di Melbourne, pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters, le zone tropicali, dove si trovano i Paesi più poveri, saranno maggiormente colpite dal riscaldamento globale. I ricercatori hanno analizzato gli scenari e gli impatti dei cambiamenti climatici sia sui Paesi più ricchi che su quelli poveri, nel caso si verificasse un riscaldamento globale di 1,5°C rispetto all'epoca pre-industriale.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.