ANOMALI NEVICATE IN RUSSIA, SUI PAESI SCANDINAVI E IN USA

Da mercoledì a sabato della scorsa settimana si sono registrate nevicate fuori stagione tra San Pietroburgo e Mosca ed esattamente nei paesi di Bezeck, Gory, Maksatikha, Sonkovo e Tver. L’evento ha colto tutti di sorpresa anche perché la settimana precedente si erano registrate temperature da primavera inoltrata. Tale fenomeno ha interessato anche la Scandinavia con nevicate anche a livello del mare come nel caso di Tromso in Norvegia. Ciò si è verificato perché dal Polo Nord è scesa decisa aria fredda che ha investito gran parte dei Paesi Scandinavi e la Russia centrale, facendo precipitare le temperature anche di 10 gradi in meno.

Mentre la neve ha fatto la sua comparsa fuori tempo nel nord est dell’Europa, più a sud si è scatenato l’inferno di acqua. Particolarmente colpita la Bulgaria con straripamenti di fiumi, allagamenti e frane. In questa catastrofe climatica hanno perso la vita 14 persone e 10 sono i dispersi. Nubifragi ancora in Romania e Albania, mentre in Turchia, proprio ad Istanbul si è abbattuto un vero e proprio tornado.

Anomalie climatiche anche dall’altra parte dell’oceano negli USA dove si sono avute nevicate anche abbondanti nello Stato del Wyoming e del Montana appena sopra i 500 metri. Sulle Montagne Rocciose sono caduti circa 30 cm di neve, sorprendendo i turisti che con pantaloncini e scarpe da trekking estive si accingevano ad effettuare le classiche escursioni vacanziere.

tver56

nevicata a Tver del 18 giugno – immagine presa da meteoportaleitalia.it

tver57

nevicata a Tver del 18 giugno – immagine presa da meteoportaleitalia.it

Articoli correlati

La rituale disamina della stima delle temperature medie globali dell’anno passato, mediante l’analisi dei dati grezzi e grigliati, mostra come il 2017 non abbia battuto il record stabilito un anno prima dal 2016, ma ci sia andato comunque molto vicino. Infatti, nella classifica degli anni più caldi, il 2017 si colloca al secondo posto sopra il 2015, con valore di anomalia, + 0,51o °C rispetto al periodo 1981-2010, +1o °C rispetto all’inizio del secolo.

Secondo una ricerca dell’Università di Melbourne, pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters, le zone tropicali, dove si trovano i Paesi più poveri, saranno maggiormente colpite dal riscaldamento globale. I ricercatori hanno analizzato gli scenari e gli impatti dei cambiamenti climatici sia sui Paesi più ricchi che su quelli poveri, nel caso si verificasse un riscaldamento globale di 1,5°C rispetto all'epoca pre-industriale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.