Tratto dalla Rubrica “La Buona Novella” (Newsletter di AK) a cura di Daniela Rosellini

1 – Sostituire le bevande gassate con l’acqua. “Così facendo – spiega il vicedirettore del centro medico “Nuffield Health”, Auldric Ratajczak – si tagliano dalla dieta l’equivalente di 7 cucchiaini di zucchero al giorno”.

2 – Fare giardinaggio. Questo eviterebbe semplicemente uno stile di vita sedentario, riducendo il rischio di infarto e ictus, come ha evidenziato uno studio svedese pubblicato sul “British Journal of Sports Medecine”.

3 – Guardare sempre il lato positivo delle cose. Avere un atteggiamento positivo, non solo aumenta l’aspettativa di vita, ma agisce da cuscinetto contro le malattie.

4 – Tostare poco il pane. I cambiamenti chimici degli alimenti si verificano quando la tostatura, la cottura, e la frittura danno luogo alla formazione di acrilamide, una sostanza che si può formare durante la cottura di alcuni cibi e che è collegabile al cancro.

5 – Condire gli alimenti con rosmarino. Secondo uno studio condotto su 300 centenari, il rosmarino potrebbe essere il segreto per vivere a lungo. L’erba aromatica, comunemente usata in cucina dal gruppo di pensionati, sembra averli anche preservati da malattie cardiache e dal morbo di Alzheimer.

6 – Fare brevi camminate a piedi. “Inserire 30 minuti di camminata nella propria routine quotidiana, cinque giorni a settimana, è l’equivalente di 14 maratone in un anno – spiega il dottor Ratajczak – Questo esercizio può aggiungere tre anni e mezzo all’aspettativa di vita”.

7 – Scegliere la strada panoramica. Passeggiare lungo le strade principali in città fa male quanto il fumo per via del forte inquinamento atmosferico.

8 – Aggiungere qualche foglia di spinaci a insalate e panini. Mangiare gli spinaci ogni giorno può far ringiovanire il cervello di 11 anni. Secondo i ricercatori della Rush University di Chicago, i pensionati che mangiano spinaci assieme ad altre verdure a foglia verde tendono a rimanere più lucidi nel tempo. Forse per la presenza di vitamina K, acido folico e coloranti naturali come luteina e beta-carotene.

9 – Ridere. Sembra banale ma farsi una risata a volte può essere fondamentale per garantire non solo il benessere mentale ma anche quello fisico. Ridere aumenta le cellule che producono anticorpi, riduce i virus e abbassa i livelli di cortisolo o “ormone dello stress”.

10 – Bere una tazza di tè al giorno potrebbe ridurre il rischio di infarto e ictus. Uno studio americano condotto su 6.200 persone ritiene che chi beve tè ogni giorno riduce del 30 per cento le probabilità di avere un arresto cardiaco, un ictus o un attacco cardiaco rispetto a quelli che non hanno mai bevuto tè.

… continua

Fonte: adnkronos

 

Articoli correlati

E’ ormai indiscutibile che la genomica è la scienza sulle cui evidenze si erigerà la moderna e scientificamente fondata "medicina della prevenzione", che, per il bene delle persone e della società, ci auguriamo possa sostituire quanto prima l’attuale e ormai superata "medicina sintomatologica", la medicina del solo sintomo e del solo farmaco, incurante delle sofferenze umane ed insensibile alla prevenzione delle patologie.

Nel suo lungo storico cammino conoscitivo la mente umana spesso si disperde, anzi il più delle volte è indotta a farlo dai potenti interessi economici delle lobby che prosaicamente governano il mondo, in generiche approssimazioni, che nella realtà quotidiana si traducono nell’impossibilità di fornire alle persone un modello esistenziale sereno, una buona salute e un’alta qualità di vita.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.