a cura del Prof. Luigi Campanella

Ognuno di noi può fare tantissimo per preservare i 100 miliardi di neuroni accolti nella scatola cranica e tutelarli dall’ombra del decadimento cognitivo.

A prendersi la briga di mettere a punto questo protocollo “anti-Alzheimer” è stato il dottor Dale E. Bredesen, del Buck Institute for Research on Aging, in California, tra i massimi esperti mondiali nel settore delle malattie neurodegenerative, leader europeo nei servizi di assistenza e cura alla popolazione anziana e fragile.

In Italia sono circa 600 mila i malati di Alzheimer, pari al 4% della popolazione over 65. Non si tratta più di rassegnarsi al declino cerebrale, spiega il dottor Ianes, “ma grazie a un preciso piano d’azione diventa possibile contrastare le neuro-minacce, che generano alla lunga la demenza”.

Le mosse vincenti sono molteplici. La dieta, innanzitutto deve prevedere un po’ di digiuno (di almeno 12 ore: se si termina di cenare alle 20, al mattino successivo basta fare colazione alle 8, e poi verdure a volontà, crude e cotte e di tutti i colori.
Carne bianca-rossa e pesce non sono mai portate principali. L’attività fisica? Aerobica e da sforzo, 30-60 minuti da cinque a sei volte la settimana. Si consiglia di dormire otto ore per notte. E contro i morsi dello stress ben vengano meditazione, yoga, musica e respirazione diaframmatica. Ottimizzate con l’aggiunta di un robusto ventaglio di sostanze ed erbe: dalle vitamine (B, C, D e E) al resveratrolo (l’antiossidante presente nella buccia dell’acino di uva), dagli acidi grassi omega 3 fino alla curcuma (un grammo due volte al giorno). E poi stimoli all’ennesima potenza. Leggere, dipingere, suonare uno strumento, dedicarsi allo studio di una lingua straniera, risolvere cruciverba, apprendere le tecniche della fotografia, imparare ad usare il computer, visitare i musei della città. Estendere ogni giorno la curiosità al mondo che ci circonda, attiva le sinapsi, incrementa cioè i collegamenti tra neurone e neurone.

Nel frattempo la ricerca base, in parallelo, avanza alacremente per incentivare la diagnosi precoce e cogliere nuove strade terapeutiche.

Articoli correlati

Il boom dell’agricoltura urbana è uno dei processi in atto nella nostra società moderna. Il Brooklyn Grange di New York è l’orto urbano più grande al mondo, con fattorie urbane sui tetti dei palazzi in un ex cantiere navale della marina militare, ma anche in Italia ci sono importanti esempi di orto urbano.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.