(comunicato pubblicato così come pervenuto)

Alle parole non sono mai seguiti i fatti per quanto riguarda la SPERIMENTAZIONE ANIMALE

Per quanto riguarda la SPERIMENTAZIONE ANIMALE, Bruxelles è inadempiente su tutti i fronti possibili e l’Iniziativa dei Cittadini Europei “STOP VIVISECTION” torna in campo per far valere i diritti dei cittadini che dieci anni fa, con una partecipazione che ha dello straordinario (1.173.131 firme certificate), avevano chiesto di mettere fine alla vergogna legislativa, scientifica e morale esemplificata dalla Direttiva 2010/63/UE.

La Commissione Europea non soltanto non ha rispettato gli impegni presi allora per sostenere in modo cospicuo e rendere realmente obbligatori, quando validati, i metodi sostitutivi alla vivisezione, ma arretra, proprio in questi mesi, anche sugli impegni presi molti anni prima sul fronte dei COSMETICI: consente infatti che sia violato il Regolamento che proibisce di utilizzare gli animali per testare rossetti, mascara, creme rassodanti !

I promotori di STOP VIVISECTION hanno di conseguenza presentato una Petizione all’apposita Commissione PETI del Parlamento Europeo, che l’ha registrata in questi giorni con il numero 0431/2022.

Essi lo rendono noto a tutti i firmatari e sostenitori dell’Iniziativa, riportando al centro dell’attenzione gli obiettivi di STOP VIVISECTION insieme con gli scopi dell’attuale Petizione, facendo presente che:

PRIMO. La Commissione Europea non rispetta l’articolo 11 del TUE (in particolare il punto 2), che prevede da parte delle istituzioni europee un dialogo aperto, trasparente e regolare con le associazioni rappresentative e la società civile.

SECONDO. La Commissione Europea non tiene fede a quanto dichiarato nel 2015 dall’allora Commissario per l’Ambiente Karmenu Vella, e cioè che: “Il fine ultimo della legislazione dell’UE è l’abolizione graduale della sperimentazione sugli animali: in risposta all’iniziativa dei cittadini, la Commissione europea sta intraprendendo una serie di azioni per far sì che l’uso di metodi alternativi trovi rapida diffusione”.

TERZO. La Commissione Europea misconosce persino quanto ha messo nero su bianco nella Comunicazione 37673 del 2015, e cioè che: “Riconoscendo pienamente la necessità di vedere realizzati ulteriori progressi scientifici (…), la Commissione intende continuare a promuovere lo sviluppo e l’attuazione di metodi alternativi, favorire la cooperazione e la condivisione delle conoscenze intersettoriali, convalidare i nuovi metodi e facilitarne il riconoscimento legale”. Nel 2016 in una lettera si dichiarava che “l’utilizzo di alternative convalidate è un OBBLIGO DI LEGGE nell’Unione Europea sin dal 1/1/2013, e cioè da quando è entrata in vigore la Direttiva 2010/63/UE”.

Alla luce di queste osservazioni, i firmatari della Petizione, già promotori di STOP VIVISECTION, chiedono:

1) se, quando e con quali strumenti la Commissione intende rendere finalmente operativa l’affermazione che “l’utilizzo di alternative convalidate è un obbligo di legge nell’Unione Europea”;

2) quali azioni la Commissione abbia intrapreso per lo sviluppo e la convalida dei metodi human based (o NAMs) che la collochino finalmente al livello scientifico da essa stessa auspicato a parole;

3) quanti siano i metodi convalidati realmente utilizzati nei laboratori di ricerca dell’UE;

4) se sia stata formalmente prevista ed eseguita – dove, come, quando, e con quali risultati – in Italia e negli altri Stati membri UE – la valutazione retrospettiva di tutte le sperimentazioni condotte sui primati e sugli animali che patiscono dolore classificato come grave (topi, ratti, conigli, cani o altri che siano), così come prescrive l’articolo 39 della Direttiva 2010/63/UE.

IN CONCLUSIONE:

Noi attendiamo risposte concrete e soprattutto fatti.

Di vane dichiarazioni, in questi anni, ne sono state fatte abbastanza, affermano i promotori della Petizione 0431/2022.

La scienza della sperimentazione animale è cattiva scienza.

La scienza del rinvio, di cui Bruxelles sembra essere maestra, è ugualmente squalificante.
A entrambe va messa la parola FINE !

I PROMOTORI di Stop Vivisection:

+39 (0)632110421 +39 3358444949

+33 623426295

Articoli correlati

Banca Generali Private porta la sostenibilità a Genova in una serata dedicata all’ambiente e al nostro Pianeta. Giovedì 7 luglio a partire dalle ore 18:30, la sala delle Grida della Borsa Valori di Genova ospita "Insieme per salvare Madre Terra", l’evento dedicato ad analizzare gli impatti che i cambiamenti climatici stanno avendo su acqua, ambiente e, più in generale, l’ecosistema in cui viviamo.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.