Climatologi e fisici dell’atmosfera temono che il punto di non ritorno per la concentrazione di CO2 nella biosfera sia stato superato. Quindi il 2016 segnerebbe l’ingresso in una “nuova fase” del clima terrestre, certamente non troppo benevola per l’umanità. Il mare continuerebbe a salire fino a sommergere tra qualche decennio città costiere, le temperature ad aumentare fino a produrre catastrofiche siccità, gran parte delle foreste pluviali potrebbero seccarsi e piogge torrenziali mandare sott’acqua città e campagne… e poi inevitabili invasioni di insetti distruttori delle coltivazioni e portatori di malattie, ecc. ecc.

Un quadro allarmante su cui purtroppo, secondo gli scienziati, ormai non ci resta che adattarci. Infatti si è messo in moto un “volano” termodinamico che si autoalimenta. Volendo quindi bloccare tutte le emissioni di gas serra in atmosfera (fantascienza!) non riusciremmo più ad evitare l’aumento della temperatura a + 2°C ed oltre. Infatti gli oltre 400 ppm di CO2, che abbiamo contribuito a mettere in atmosfera, per scendere su valori di 30 o 50 anni fa impiegherebbero più di un secolo!

E allora? Una vecchia battuta popolare dice: “Hai voluto la bicicletta, e allora pedala!” . E noi, semplici mortali, rispondiamo: – Questa società inquinante e devastante per l’ambiente naturale, non l’abbiamo voluta noi, ce l’hanno, almeno in parte, imposta, ciò nonostante dobbiamo pagarne le conseguenze… comunque continueremo a pedalare…

Articoli correlati

Come sarà il tempo a dicembre? E’ una domanda che si fanno in molti. Noi di Accademia Kronos non siamo meteorologi di professione, ma semplici studiosi, in particolare, della climatologia (ricordando comunque che nel nostro comitato scientifico abbiamo due scienziati climatologi di fama internazionale come Vincenzo Ferrara e Riccardo Valentini, da cui a volte riceviamo contributi illuminanti)

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.