Venerdì 12 Aprile 2019

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro “mutilati di guerra” del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

Interessanti gli interventi, alcuni dei quali hanno chiarito la determinante azione dell’allora Kronos 1991* nella realizzazione del Parco Nazionale dell’Aspromonte e nell’aver collaborato alla nascita dell’attuale Lega Ambiente, originariamente Arci Ambiente.
Al Comune di Reggio Calabria è stata consegnata la bandiera “Io Faccio la mia parte”, come si può vedere nella foto, auspicando che l’amministrazione si possa mostrare sempre più sensibile alla tematiche ambientali.

*Si ricorda che Accademia Kronos, costituita nel 1997 a Bologna, ha preso l’eredità spirituale di Kronos 1991.

Il giorno successivo Alberto Gioffrè ed Ennio La Malfa si sono recati nelle campagne di Seminara, dove è stata ultimata una struttura per realizzare iniziative culturali e ambientali (vedi foto), valuntando la possibilità di dare il via al Centro Studi Climatici e Ambientali della Calabria messo a disposizione dal dott. Agronomo Giuseppe Spinelli, socio di Accademia Kronos da vecchia data.

(nella prima foto la struttura, nella seconda il responsabile del centro Giuseppe Spinelli con alcuni dei suoi cani)

Articoli correlati

Eravamo un po’ invidiosi noi italiani e francesi e ci chiedevamo: "perché l’oceano Pacifico e quello Atlantico hanno le isole di plastica e noi no?" Presto detto, ora anche noi abbiamo un’isola di plastica tra la Corsica e l’isola d’Elba. Non solo, ma noi siamo stati più bravi degli altri, si perché la nostra isola di plastica si trova dentro un’area marina protetta, il santuario dei cetacei!

Fino ad un trentennio fa il fine primavera, come in questi giorni, aveva il sapore dell’arrivo dell’estate, con qualche leggera puntatina di caldo, anche gradevole, che soprattutto al sud si avvicinava ai +30° e difficilmente li superava. La notte si dormiva ancora con una leggera copertina, mentre con il piumone ancora al nord. Poi arrivava qualche tranquillo temporale a riportare le temperature intoro ai 24/26° C.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.