a cura del Prof. Luigi Campanella (Dipt. Chimica Università “La Sapienza”, Roma)

E’ certamente un momento difficile, una prova che insieme dobbiamo superare. Alla base di tutto c’è però la necessità di conoscere prima e bene il “nemico” che abbiamo di fronte, in questo caso il Coronavirus. Conoscerlo meglio ci consentirà di poterlo affrontare e vincerlo.

La Scienza è la nostra sentinella sia rispetto alla prevenzione che rispetto alle cure. I consigli che fa derivano da profonde competenze, esperienze e rigore, vanno perciò rispettati, non soltanto per le emergenze come questa, ma anche rispetto alle attività di routine con attenzione alla qualità alimentare, ai criteri di sicurezza negli ambienti di lavoro, all’igiene personale. Cogliamo questo drammatico evento per creare un nuovo rapporto fra cittadini e scienziati.

Mai come ora è importante che ognuno di noi “faccia la propria parte” e rispetti le regole e le direttive dateci (il nostro comportamento può fare la differenza).

Articoli correlati

E’ quella cinese una flotta per la pesca immensa con circa 160 mila unità tra paranze piccole, medie e barche d’altura e con decine di gigantesche navi fattoria, letteralmente fabbriche di cibo galleggianti che trasformano subito il pescato in confezioni da vendere nei mercati. Queste "brave persone ambientaliste" stanno arando nel vero senso della parola i fondali marini con reti che superano anche il Km di lunghezza.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.