a cura del Centro AK Mare di Savona

Segnali preoccupanti da qualche giorno stanno interessando il Tirreno centrale e in particolare una vasta area compresa tra le coste campane e quelle toscane. Tanto per cominciare il 24 dicembre scorso è arrivato morto sulle spiagge di Ischia un grosso capodoglio, poi sempre ad Ischia migliaia di gamberetti morti giorni fa sono finiti sugli arenili, infine nel mare dell’Isola d’Elba sono apparse migliaia di meduse.

Per il capodoglio gli esperti hanno accertato che il mammifero è morto per denutrizione(?! ) e per aver ingerito buste di plastica.

Per i gamberetti, che poi sono i famosi krill di cui vanno ghiotti i mammiferi marini misticeti (balenottere, megattere, balene), si parla di forti ed improvvise correnti ascensionali marine che hanno spinto questi crostacei dalla profondità del mare fino alle spiagge dell’isola ( ?! ).

Per le meduse ancora ci si interroga, solitamente la presenza massiccia di questi esseri marini avviene in estate o all’inizio dell’autunno. Evidentemente, affermano gli esperti di AK, l’anomalia è dovuta al mare ancora troppo caldo.

Sta di fatto che qualcosa di strano sta avvenendo nel nostro mare. Forse la causa è l’inquinamento o i cambiamenti climatici che ormai hanno tropicalizzato tutto il Mediterraneo? Ancora non lo sappiamo, ma stiamo indagando…

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.