a cura del Centro AK Mare di Savona

Segnali preoccupanti da qualche giorno stanno interessando il Tirreno centrale e in particolare una vasta area compresa tra le coste campane e quelle toscane. Tanto per cominciare il 24 dicembre scorso è arrivato morto sulle spiagge di Ischia un grosso capodoglio, poi sempre ad Ischia migliaia di gamberetti morti giorni fa sono finiti sugli arenili, infine nel mare dell’Isola d’Elba sono apparse migliaia di meduse.

Per il capodoglio gli esperti hanno accertato che il mammifero è morto per denutrizione(?! ) e per aver ingerito buste di plastica.

Per i gamberetti, che poi sono i famosi krill di cui vanno ghiotti i mammiferi marini misticeti (balenottere, megattere, balene), si parla di forti ed improvvise correnti ascensionali marine che hanno spinto questi crostacei dalla profondità del mare fino alle spiagge dell’isola ( ?! ).

Per le meduse ancora ci si interroga, solitamente la presenza massiccia di questi esseri marini avviene in estate o all’inizio dell’autunno. Evidentemente, affermano gli esperti di AK, l’anomalia è dovuta al mare ancora troppo caldo.

Sta di fatto che qualcosa di strano sta avvenendo nel nostro mare. Forse la causa è l’inquinamento o i cambiamenti climatici che ormai hanno tropicalizzato tutto il Mediterraneo? Ancora non lo sappiamo, ma stiamo indagando…

Articoli correlati

La settimana passata a Roma Accademia Kronos ha avuto l’occasione di stringere la mano al generale di corpo d'armata Ciro D’Angelo, che si è appena insediato al vertice del CUFA dei Carabinieri Forestali. In uno spirito di ampia e costruttiva collaborazione Accademia Kronos ha ribadito la propria disponibilità, come nel passato, a collaborare in campagne e azioni ambientali con i Carabinieri Forestali.

Per salvare il Pianeta è fondamentale agire anche sulle nostre abitudini alimentari. Il consumo di alimenti provenienti dagli allevamenti intensivi, infatti, ha un impatto devastate sugli ecosistemi. Per questo, se entro i prossimi 12 anni non diminuiremo sostanzialmente i gas serra rilasciati nell’atmosfera, il riscaldamento globale è destinato a causare una crisi alimentare entro il 2050.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.