da Arpat Toscana

Proviene da ENEA una tecnologia smart e low cost per produrre elettricità dalle onde del mare. Si tratta di uno scafo da posizionare in mare aperto, che ha al suo interno un pendolo collegato a un generatore di energia elettrica. Il prototipo, chiamato PEWEC (Pendulum Wave Energy Converter), è stato presentato il 7 luglio scorso a Roma.

L’energia deriva dal movimento relativo che le onde producono tra lo scafo e il pendolo. Si tratta dunque di un dispositivo smart perché capace di catturare qualsiasi tipo di onda e trasformarla in modo efficiente in energia elettrica e low cost, perché la sua meccanica è estremamente semplice.
Un dispositivo particolarmente adatto per il Mediterraneo, che è caratterizzato da onde di piccola altezza e alta frequenza. Il moto ondoso degli oceani potrebbe produrre più energia di quanta sia necessaria all’intero pianeta, ma i fenomeni estremi che spesso e sempre di più li caratterizzano, fino a produrre onde anche di 15-20 metri, ne rendendo difficile la cattura. Il Mediterraneo ha invece onde che, anche in casi estremi, risultano più piccole di circa 1/3 rispetto a quelle degli oceani.

Il prototipo, presentato davanti alla sede dell’ENEA, è in scala 1:12, pesa 3 tonnellate, misura 3m x 2m x 2m di altezza ed è frutto della collaborazione con il Politecnico di Torino, nell’ambito dell’Accordo di programma tra Ministero dello Sviluppo Economico, ed ENEA, sulla Ricerca di Sistema Elettrico.

PEWEC

L’ENEA e il Politecnico di Torino sono già al lavoro per la progettazione del dispositivo in scala 1:1, con una potenza nominale di 400 kW.
In concreto, una decina di questi dispositivi può produrre energia elettrica per un paese di 3.000 abitanti, contribuendo anche a contrastare i fenomeni di erosione attraverso la riduzione dell’energia delle onde che si infrangono sulla costa, senza impattare in maniera significativa su flora e fauna marine.
Rispetto alle tecnologie eoliche e fotovoltaiche l’utilizzo del PEWEC ha un impatto ambientale e visivo molto minore; presenta minore variabilità oraria e giornaliera; offre una variazione stagionale favorevole, dato che il potenziale delle onde è maggiore in inverno, quando i consumi energetici sono massimi. In particolare la nuova tecnologia si ritiene utile per le tante isole italiane dove l’energia è prodotta da costose e inquinanti centrali a gasolio.

Per conoscere al meglio le potenzialità e le caratteristiche dei nostri 8.000 Km di coste, ENEA ha realizzato anche “L’Atlante del clima ondoso del Mediterraneo”, una mappa per individuare le zone dove il moto ondoso è maggiore.
A livello europeo l’ENEA partecipa al programma congiunto di ricerca sull’energia dal mare JP Marine Renewable Energy, proposto dalla European Energy Research Alliance (EERA).
Lo sfruttamento dell’energia dal mare è tra le priorità della Commissione europea per lo sviluppo della Blue Economy: per 2014-2020 è stato presentato un piano di azione con l’obiettivo di raggiungere una potenza installata di 3,6 GW entro il 2020 e di 188 GW al 2050.

Fonte: ARPAT Toscana

Articoli correlati

In questi giorni di “clausura forzata” planetaria, si discute su come ridurre drasticamente l’uso dei combustibili fossili, rei di aver creato danni irreparabile all’ambiente naturale. Si pensa in grande e in piccolo, ma la soluzione più realistica resta quella grande, come già teorizzato da illustri tecnici ed esperti di tutti i continenti, cominciano a spuntare i primi esempi...

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.