a cura del Prof. Luigi Campanella

Produrre biotecnologicamente materiali creati fino ad oggi chimicamente: il batterio Rhodothermus Marinus c’è riuscito generando un composto di silicio e carbonio. La ricerca è merito di un gruppo di ricercatori del California Institute of Technology coordinato da Frances Arnold, vincitrice del “Millenium Tecnology Prize 2016”, che ha trovato un’alternativa-rispettosa dell’ambiente (e potenzialmente meno costosa) per produrre alcune molecole-chiave dell’industria chimica. Lo studio è stato pubblicato su “Science” e apre a moltissime applicazioni. Dopo l’ossigeno, infatti il silicio è l’elemento più abbondante sulla Terra, ma viene creato chimicamente per essere utilizzato in farmaci così come in vernici, computer e televisioni.

I ricercatori sono partiti da un batterio delle sorgenti d’acqua calda dell’Islanda dotato di una proteina che, normalmente, trasporta gli elettroni ad altre molecole proteiche e che, di tanto in tanto, produce anche silicio e carbonio. Hanno quindi isolato dal suo DNA il gene che determina questa funzione e l’hanno inserito nel corredo genetico di un altro batterio, decisamente più comune: l’Escherichia coli.
Sono bastate poche generazioni per ottimizzare i rendimenti, battendo quelli dei catalizzatori artificiali dell’industria. “Un bel lavoro, che crea una nuova chimica“, ha commentato il Nobel Roald Hoffmann.

koli-bacteria

Articoli correlati

In questi giorni di “clausura forzata” planetaria, si discute su come ridurre drasticamente l’uso dei combustibili fossili, rei di aver creato danni irreparabile all’ambiente naturale. Si pensa in grande e in piccolo, ma la soluzione più realistica resta quella grande, come già teorizzato da illustri tecnici ed esperti di tutti i continenti, cominciano a spuntare i primi esempi...

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.