Appello rivolto agli enti provinciali e regionali preposti

Siamo qui a denunciare una situazione di assoluta emergenza. In zona MONESI, PIAGGIA, BOSCO NAVETTE ,SALSE, UPEGA da tempo si aggirano dei bovini in condizioni di assoluta privazione. Sembrerebbero abbandonati ed in balia di animali da preda, che pur seguendo il loro istinto naturale, sarebbero poi tacciati di pericolosità dalle popolazioni locali. Le temperature e le condizioni della vegetazione in questo periodo invernale non sono certo compatibili con la loro comune condotta di allevamento.

Chiediamo a Voi di accertare le reali responsabilità di tale bestiame e, ancor più, di provvedere al loro ricovero presso struttura idonea nel più breve tempo possibile.
Confidando in una proficua collaborazione,
inviamo distinti saluti e rimaniamo a disposizione.

unitamente ad altre associazioni:
ACCADEMIA KRONOS
Sede interprovinciale Savona Imperia
Cell. 3318369495 Alberto Briatore (presidente provinciale)
mucche in condizioni precarie

La foto è presa solo ad esempio e non è relativa ai capi bovini dell’appello.

Articoli correlati

L'IPCC (International Panel on Climate Change), il principale Organismo internazionale per le valutazioni sui cambiamenti climatici, afferma che abbiamo solo 12 anni per dimezzare le emissioni inquinanti che vanno azzerate entro il 2050, altrimenti non riusciremo a mantenere il riscaldamento globale entro +1,5°.

(Fonte: RivistaNatura.com) Dopo essere stato sull’orlo dell’estinzione negli anni ’70, il lupo è tornato a popolare il territorio italiano e la sua diffusione cresce di anno in anno, come dimostrano i dati presentati dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nel corso del convengo "Verso un Piano nazionale di monitoraggio del lupo", tenutosi a Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.