Ci può essere una relazione “Covid-19 e il segnale terrestre 5G” ?

a cura del Prof. Luigi Campanella

Di recente è tornato di attualità il problema relativo ai possibili danni da campi elettromagnetici. I punti sono sempre gli stessi: reversibilità sì o no ? Intensità limite? Distanze? Effetti termici e non termici.

Commentando in un blog questo ritorno di interesse dicevo, e poi ho scritto, che mi meravigliava il fatto che, mentre si punta al 5G, non ci siano indicazioni circa le relative norme di sicurezza. Dico questo perché non mi sorprende che si possa strumentalizzare qualunque tipo di posizione rispetto all’osservazione che i maggiori danni da CoViD-19 si sono avuti per cittadini abitanti in zone più servite dal 5 G a causa delle ridotte difese immunitarie stressate dal segnale terrestre 5 G.

Chi sostiene questa tesi parte dal fatto che a Wuhan in Cina si ha la massima adozione del 5G e che i miglioramenti sono stati ottenuti anche spengendo alcune delle 30.000 antenne terrestri 5G, azione non pubblicizzata né divulgata per non compromettere il business 5 G.

Venendo all’Italia sono le diverse disponibilità economiche fra cittadini del Nord e del Sud ad avere ridotto nel Meridione rispetto al Settentrione il numero di antenne 5 G installate. Lo stesso discorso si può fare confrontando la situazione da CoViD-19 in Grecia e Svizzera o fra USA ed India. Tutti questi confronti non possono costituire rispetto al metodo scientifico prove della correlazione ipotizzata e sostenuta, ma certo rappresentano un motivo di riflessione!

Articoli correlati

«Beni culturali e ambientali sono materie inscindibili, le due facce di una stessa medaglia. Proponiamo un solo Ministro e coordinamento per la gestione del Ministero della Transizione Ecologica e del Ministero della Cultura». A lanciare la proposta è Franco Floris, presidente nazionale di Accademia Kronos, ente di protezione della natura (onlus) riconosciuto dal Ministero della Transizione Ecologica.

Banca Generali Private porta la sostenibilità a Genova in una serata dedicata all’ambiente e al nostro Pianeta. Giovedì 7 luglio a partire dalle ore 18:30, la sala delle Grida della Borsa Valori di Genova ospita "Insieme per salvare Madre Terra", l’evento dedicato ad analizzare gli impatti che i cambiamenti climatici stanno avendo su acqua, ambiente e, più in generale, l’ecosistema in cui viviamo.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.