Fonte: RivistaNatura.com

Si dice spesso che gli animali sono in grado di prevedere in anticipo l’arrivo dei terremoti. Quella che forse in molti crederanno essere una leggenda metropolitana ha, invece, un fondamento di verità.

A spiegare il perché di questo fenomeno è uno studio condotto dall’Anglia Ruskin University. Gli animali, in particolar modo cani, gatti, mucche e uccelli, sarebbero in grado di captare la presenza nell’aria degli ioni positivi rilasciati nell’aria dalle rocce, che vengono poste sotto stress dall’imminente movimento tellurico.
La ricerca è stata condotta in Perù, zona ad alto rischio terremoti. Analizzando il comportamento di alcuni animali, in particolare quelli che vivono sotto terra, si è mostrato che questi comparivano ansiosi prima delle scosse, proprio perché rilevavano un concentrazione anomala di ioni positivi.

La ricerca ha mostrato come questo cambiamento sia recepito dagli animali fino a tre settimane prima che l’evento abbia luogo. I risultati dello studio sono stati confermati anche dalle variazioni della ionosfera, che permangono fino a otto giorni dopo il sisma.

È possibile, quindi, utilizzare gli animali come spie per annunciare i terremoti e salvare vite umane?
La risposta, in questo caso, parrebbe essere negativa: gli animali rispondono a una grandissima quantità di stimoli – come ad esempio gioia, paura e fame – e risulta difficile capire se l’agitazione è prodotta proprio dalla percezione di un imminente terremoto, oppure da altri fattori.

Articoli correlati

L’estinzione di una specie animale è un processo "naturale" ed inevitabile, nessuna specie (uomo compreso) può sfuggire a questa indiscutibile verità. Non a caso, facendo un ipotetico elenco di tutte le specie animali comparse nei vari periodi geologici sulla Terra, il numero delle specie scomparse surclassa di molto quello delle specie oggi esistenti.

E’ ormai indiscutibile che la genomica è la scienza sulle cui evidenze si erigerà la moderna e scientificamente fondata "medicina della prevenzione", che, per il bene delle persone e della società, ci auguriamo possa sostituire quanto prima l’attuale e ormai superata "medicina sintomatologica", la medicina del solo sintomo e del solo farmaco, incurante delle sofferenze umane ed insensibile alla prevenzione delle patologie.

L'acqua è di certo il composto più studiato. Non c'è branca della Scienza che non abbia fatto i conti con questa piccola molecola, essenziale per la vita (almeno di quella di cui siamo a conoscenza), fortemente correlata con storia, archeologia, clima.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.