Nuovo “record” per le emissioni globali di CO2 nel 2018, che continuano ad aumentare raggiungendo proprio quest’anno il loro massimo storico! Lo ha rilevato l’altro giorno a Katowice il nuovo rapporto del Global Carbon Project (GCP), secondo il quale le emissioni generate dall’uso dei combustibili fossili cresceranno del 2,7% raggiungendo i 37,1 miliardi di tonnellate! Un aumento che si verifica per il secondo anno consecutivo, dopo il periodo in cui erano rimaste stabili, tra 2014 e 2016.

La previsione poco rosea è che i livelli di quest’anno si avranno anche nel 2019. Colpa – secondo il rapporto – soprattutto dell’aumento del numero di automobili e dell’uso del carbone a livello globale. Insomma, secondo il rapporto il pianeta si sta avviando verso un riscaldamento globale catastrofico, ma la tendenza potrebbe ancora essere invertita entro il 2020. Solo che i dati dello studio registrano anche un divario crescente tra ciò che dovremmo fare per invertire questa tendenza e ciò che in realtà stiamo facendo…

Articoli correlati

La settimana passata a Roma Accademia Kronos ha avuto l’occasione di stringere la mano al generale di corpo d'armata Ciro D’Angelo, che si è appena insediato al vertice del CUFA dei Carabinieri Forestali. In uno spirito di ampia e costruttiva collaborazione Accademia Kronos ha ribadito la propria disponibilità, come nel passato, a collaborare in campagne e azioni ambientali con i Carabinieri Forestali.

Per salvare il Pianeta è fondamentale agire anche sulle nostre abitudini alimentari. Il consumo di alimenti provenienti dagli allevamenti intensivi, infatti, ha un impatto devastate sugli ecosistemi. Per questo, se entro i prossimi 12 anni non diminuiremo sostanzialmente i gas serra rilasciati nell’atmosfera, il riscaldamento globale è destinato a causare una crisi alimentare entro il 2050.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.