Un’azienda olandese ha messo a punto un progetto che prevedere la realizzazione di strade costruite con plastica riciclata dagli oceani.

Buone notizie sul fronte della lotta all’inquinamento arrivano dall’Olanda, dove la VolkerWessels ha varato un piano di raccolta della plastica che inquina gli oceani e l’utilizzo di questo materiale per costruire delle strade a Rotterdam.
L’idea è apparentemente semplice: la plastica viene raccolta attraverso delle barriere poste nei pressi degli oceani, dopo di che viene trasportata, lavorata e compressa in modo da ricavarne dei blocchi utilizzabili nella realizzazione di strade.
Oltre ai benefici dal punto di vista dell’ambiente, la cosiddetta PlasticRoads che si ottiene da questo processo presenta interessanti caratteristiche, ovvero una grande praticità d’uso e di manutenzione. Secondo gli studi condotti, queste strade di plastica risultano inoltre essere resistenti alle variazioni di temperatura comprese tra -40º e 80ºC.
Gli scienziati che lavorano al progetto, sono nelle fasi conclusive dello studio e stanno ora verificando la sicurezza del materiale. L’idea è quella di realizzare la prima strada di plastica entro quest’anno.

Si tratta di un’iniziativa che fa ben sperare per il futuro per quel che riguarda la salvaguardia dell’ambiente e del mare in particolare. Solo qualche giorno fa la fotografa Caroline Power aveva denunciato la situazione di degrado nel mar dei Caraibi fotografando una vera e propria isola di rifiuti di plastica galleggiante nei pressi dell’isola di Roatan in Honduras e le immagini erano diventate ben presto virali.
Non c’è da sorprendersi del fatto che la plastica può essere impiegata per fare delle strade. L’ingegnere scozzese Toby McCartney, fondatore dell’azienda MacRebur, aveva già tempo fa messo a punto un particolare asfalto ottenuto da plastica riciclata. L’asfalto è fatto per il 90% di pietra, sabbia, calcare e per il restante 10% da bitume prodotto con una miscela di idrocarburi naturali o ottenuti dalla lavorazione del petrolio. L’intuizione di McCartney è stata quella di realizzare un asfalto dove gran parte del bitume è sostituito con plastica di scarto.

strada_720

Articoli correlati

Stiamo assistendo al declino di tutti i modelli di società che dal dopoguerra ad oggi hanno cercato di governare il mondo. Con la caduta del muro di Berlino abbiamo assistito alla fine del modello comunista ed oggi avvertiamo la fine del capitalismo. Sono sotto gli occhi di tutti le evidenti "crepe" che stanno per far crollare tutta l’impalcatura costruita da una società che ha puntato fortemente sul profitto di pochi a danno dei tanti e sulla "rapina e distruzione" dell'Ambiente.

Proseguono i controlli da parte dei militari del Comando Stazione Carabinieri di Borgo Carillia e del Nucleo Provinciale Guardie Ambientali Accademia Kronos presso le aziende zootecniche, al fine di accertare la corretta gestione degli effluenti zootecnici e le modalità di smaltimento dei rifiuti prodotti.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.