fonte iLMeteo.it

Un possibile colpo di coda dell’inverno tra fine Marzo e inizio Aprile è tutt’altro che una remota possibilità

meteo grafica

Un imponente stratwarming, tra i più potenti degli ultimi 30 anni, ha di fatto congelato mezza Europa nelle scorse settimane. Il Burian è arrivato anche sull’Italia, con gelo e neve che sono arrivati fino a Roma. Statisticamente quando avviene uno strat-warming di tale portata, la stagione successiva e quindi la Primavera ne subirà gli effetti, venendo minacciata da irruzioni gelide e potenzialmente nevose fino a quote bassissime, se non in pianura, ovvero un Burian 2, un Burian Bis che dir si voglia.

Questa configurazione incerta potrebbe condizionare il tempo sul nostro Paese almeno fino ai primi giorni di Maggio. Allo stato attuale si evince la possibilità di uno STRATWARMING ovvero un riscaldamento stratosferico polare tardivo con conseguente primavera fresca a piovosa, Pasqua a rischio neve, ma soprattutto un’Estate pigra ad arrivare e veloce a cedere il passo all’Autunno.

Lo Stratwarming è un anomalo riscaldamento della stratosfera ( fino a + 60 °C ) che si dilata al punto da interferire con lo stato di atmosfera inferiore (La Troposfera), rompendo l’equilibrio delle correnti gelide che rappresentano il Vortice Polare. Parte di queste correnti gelide possono essere dirottate fino al Bacino del Mediterraneo. Questo anomalo riscaldamento della stratosfera è attribuibile soprattutto all’aumento globale della temperatura terrestre.

Articoli correlati

Probabilmente gli storici del futuro scriveranno che il 2019 fu l’inizio della grande crisi climatica che in meno di un ventennio decimò una buona parte della popolazione planetaria. Questa non è la prefazione di un romanzo di fantascienza, ma l’estrapolazione di un’intervista rilasciata giorni fa da uno scienziato ad una TV australiana. Catastrofismo gratuito? Le solite "fake news"? Diamo un’occhiata a cosa sta accadendo nel mondo in questi giorni...

Come conseguenza del riscaldamento globale, i suoli perennemente ghiacciati dell’Artico si stanno scongelando e rilasciano sostanze altamente tossiche e inquinanti, contenute nei fossili risalenti all’era del Pleistocene. Questo è quanto emerge da una ricerca di Sue Natali, membro del ‘Woods Hole Research Center’ nel Massachusetts, portata avanti dalla Siberia all’Alaska per studiare gli effetti dello scongelamento del permafrost, il terreno tipico delle regioni dell'estremo Nord Europa, della Siberia e dell'America settentrionale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.