Fonte: La Rivista della Natura.com

Nella corsa all’evoluzione i pesci stanno mutando per riuscire a sopravvivere anche in acque pesantemente contaminate. A dirlo è una ricerca condotta dall’University of California che ha preso in esame il comportamento di alcune specie della famiglia Cyprinodontidae abitanti dei corsi d’acqua dolce del Massachusetts, del Connecticut e della Virginia.
I ricercatori hanno confrontato il genoma di circa 400 pesci e dalle analisi è emerso che questi animali sono 8 mila volte più resistenti alla diossina, ai metalli pesanti e persino agli idrocarburi.

«Alcuni possono pensare si tratti di una notizia positiva che mostra la capacità di adattamento delle specie anche in condizioni proibitive – ha detto il professore Andrew Whitehead dell’ateneo statunitense –. In realtà si tratta di una pessima notizia».

Le conseguenze della scoperta: i Cyprinodontidae non sono pesci consumati direttamente dall’uomo, ma vengono mangiati da altre specie marine, che non di rado finiscono poi sulle nostre tavole. Ne consegue che, nutrendosi di animali provenienti da acque profondamente inquinate, anche il pescato finisce con l’essere contaminato.
La scoperta, inoltre, apre nuovi quesiti. «È interessante scoprire come, a livello genetico, alcuni animali riescano a sopportare meglio di altri l’esposizione agli agenti inquinanti», ha concluso lo scienziato.

Articoli correlati

E’ ormai indiscutibile che la genomica è la scienza sulle cui evidenze si erigerà la moderna e scientificamente fondata "medicina della prevenzione", che, per il bene delle persone e della società, ci auguriamo possa sostituire quanto prima l’attuale e ormai superata "medicina sintomatologica", la medicina del solo sintomo e del solo farmaco, incurante delle sofferenze umane ed insensibile alla prevenzione delle patologie.

Nel suo lungo storico cammino conoscitivo la mente umana spesso si disperde, anzi il più delle volte è indotta a farlo dai potenti interessi economici delle lobby che prosaicamente governano il mondo, in generiche approssimazioni, che nella realtà quotidiana si traducono nell’impossibilità di fornire alle persone un modello esistenziale sereno, una buona salute e un’alta qualità di vita.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.