I Cambiamenti climatici stanno diventando una delle voci principali sulle cause dei grandi esodi di massa. La risposta sta in un attento rapporto USA del Center for International Earth Science Information della Columbia University. In parole povere questo studio attribuisce la causa dell’aumento delle grandi migrazioni in atto, ai cambiamenti climatici. In questo rapporto si sottolinea che “il fenomeno del global change sta crescendo con velocità ed intensità maggiori rispetto alle previsioni precedenti”.

Queste in sintesi le conclusioni di un recente studio della Columbia University:

• le attuali Migrazioni di Massa cresceranno su larghissima scala nei prossimi decenni, emigreranno decine di milioni di persone in tutto il mondo
• fra i 25 ed i 50 milioni ….. i potenziali profughi entro il 2030
• fra i 250 e i 700 milioni ….. entro il 2050

I principali motivi:
1) il clima, la crescente frequenza-intensità delle calamità naturali (cicloni, inondazioni e siccità), sono le cause primarie;
2) l’instabilità politica ed economica, lo sfruttamento eccessivo dei terreni per l’ agricoltura e la distruzione di specifici ecosistemi (ecosistemi di sussistenza, la pastorizia, agricoltura e pesca), le cause secondarie.

Speriamo che nel prossimo COP dai fiumi di parole si passi ai fatti concreti!

Articoli correlati

Come conseguenza del riscaldamento globale, i suoli perennemente ghiacciati dell’Artico si stanno scongelando e rilasciano sostanze altamente tossiche e inquinanti, contenute nei fossili risalenti all’era del Pleistocene. Questo è quanto emerge da una ricerca di Sue Natali, membro del ‘Woods Hole Research Center’ nel Massachusetts, portata avanti dalla Siberia all’Alaska per studiare gli effetti dello scongelamento del permafrost, il terreno tipico delle regioni dell'estremo Nord Europa, della Siberia e dell'America settentrionale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.