I Cambiamenti climatici stanno diventando una delle voci principali sulle cause dei grandi esodi di massa. La risposta sta in un attento rapporto USA del Center for International Earth Science Information della Columbia University. In parole povere questo studio attribuisce la causa dell’aumento delle grandi migrazioni in atto, ai cambiamenti climatici. In questo rapporto si sottolinea che “il fenomeno del global change sta crescendo con velocità ed intensità maggiori rispetto alle previsioni precedenti”.

Queste in sintesi le conclusioni di un recente studio della Columbia University:

• le attuali Migrazioni di Massa cresceranno su larghissima scala nei prossimi decenni, emigreranno decine di milioni di persone in tutto il mondo
• fra i 25 ed i 50 milioni ….. i potenziali profughi entro il 2030
• fra i 250 e i 700 milioni ….. entro il 2050

I principali motivi:
1) il clima, la crescente frequenza-intensità delle calamità naturali (cicloni, inondazioni e siccità), sono le cause primarie;
2) l’instabilità politica ed economica, lo sfruttamento eccessivo dei terreni per l’ agricoltura e la distruzione di specifici ecosistemi (ecosistemi di sussistenza, la pastorizia, agricoltura e pesca), le cause secondarie.

Speriamo che nel prossimo COP dai fiumi di parole si passi ai fatti concreti!

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.