a cura del Prof. Luigi Campanella

Per capire l’aria che tirava a Katowice nella COP24 è stata veramente istruttiva la discussione che si è svolta nella giornata di sabato e di cui sono stati dalla stampa riportati ampi resoconti. In occasione della plenaria di chiusura del 49° meeting del SBSTA (Subsidiary Body for Scientific and Technological Advice), dopo l’approvazione di numerosi documenti, anche importanti , a sostegno dell’accordo di Parigi del 2015 sul clima, la discussione si è impantanata sull’approvazione del documento su Research and Systematic observations preparato nella settimana.

Si tratta di un documento in cui il SBSTA saluta come benvenuta una serie di dichiarazioni, lavori e documenti scientifici, tra i quali la Dichiarazione sullo stato globale del clima, il Bollettino sui gas-serra, la dichiarazione sui progressi conseguiti nel Sistema globale di osservazione del clima, la dichiarazione del programma di ricerca sul clima mondiale, le osservazioni terrestri da satellite.

Una frase ha innescato la polemica, la sostituzione da alcuni Paesi richiesta della parola “welcomed”, per l’appunto saluta come benvenuto, con “noted”, cioè ha preso atto. Su questa alternativa si è discusso per oltre 2 ore. La differenza non è solo terminologica: se si dà il benvenuto ad un documento poi non si può procedere in direzione opposta a quella indicata in termini di emissione di gas sera, di uso del carbone quale combustibile, di politica energetica. I Paesi che hanno chiesto di prendere atto e non di dare il benvenuto sono Arabia Saudita, Kuwait, Federazione Russa e Stati Uniti, tutti Paesi nei quali gli interessi economici legati alle fonti energetiche fossili sono rilevanti. Il risultato è stato che il documento non trovando un’unanimità non è stato approvato, suscitando per tale conclusione numerose proteste con dichiarazioni di adesione al testo di benvenuto. Il 7% della popolazione (quello corrispondente ai suddetti 4 Paesi), ha così bloccato un’approvazione importante perché capace di formalizzare l’adesione a documenti di provenienza strettamente scientifica e tecnologica!

Articoli correlati

Eravamo un po’ invidiosi noi italiani e francesi e ci chiedevamo: "perché l’oceano Pacifico e quello Atlantico hanno le isole di plastica e noi no?" Presto detto, ora anche noi abbiamo un’isola di plastica tra la Corsica e l’isola d’Elba. Non solo, ma noi siamo stati più bravi degli altri, si perché la nostra isola di plastica si trova dentro un’area marina protetta, il santuario dei cetacei!

Fino ad un trentennio fa il fine primavera, come in questi giorni, aveva il sapore dell’arrivo dell’estate, con qualche leggera puntatina di caldo, anche gradevole, che soprattutto al sud si avvicinava ai +30° e difficilmente li superava. La notte si dormiva ancora con una leggera copertina, mentre con il piumone ancora al nord. Poi arrivava qualche tranquillo temporale a riportare le temperature intoro ai 24/26° C.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.