a cura del Prof. Luigi Campanella

Per capire l’aria che tirava a Katowice nella COP24 è stata veramente istruttiva la discussione che si è svolta nella giornata di sabato e di cui sono stati dalla stampa riportati ampi resoconti. In occasione della plenaria di chiusura del 49° meeting del SBSTA (Subsidiary Body for Scientific and Technological Advice), dopo l’approvazione di numerosi documenti, anche importanti , a sostegno dell’accordo di Parigi del 2015 sul clima, la discussione si è impantanata sull’approvazione del documento su Research and Systematic observations preparato nella settimana.

Si tratta di un documento in cui il SBSTA saluta come benvenuta una serie di dichiarazioni, lavori e documenti scientifici, tra i quali la Dichiarazione sullo stato globale del clima, il Bollettino sui gas-serra, la dichiarazione sui progressi conseguiti nel Sistema globale di osservazione del clima, la dichiarazione del programma di ricerca sul clima mondiale, le osservazioni terrestri da satellite.

Una frase ha innescato la polemica, la sostituzione da alcuni Paesi richiesta della parola “welcomed”, per l’appunto saluta come benvenuto, con “noted”, cioè ha preso atto. Su questa alternativa si è discusso per oltre 2 ore. La differenza non è solo terminologica: se si dà il benvenuto ad un documento poi non si può procedere in direzione opposta a quella indicata in termini di emissione di gas sera, di uso del carbone quale combustibile, di politica energetica. I Paesi che hanno chiesto di prendere atto e non di dare il benvenuto sono Arabia Saudita, Kuwait, Federazione Russa e Stati Uniti, tutti Paesi nei quali gli interessi economici legati alle fonti energetiche fossili sono rilevanti. Il risultato è stato che il documento non trovando un’unanimità non è stato approvato, suscitando per tale conclusione numerose proteste con dichiarazioni di adesione al testo di benvenuto. Il 7% della popolazione (quello corrispondente ai suddetti 4 Paesi), ha così bloccato un’approvazione importante perché capace di formalizzare l’adesione a documenti di provenienza strettamente scientifica e tecnologica!

Articoli correlati

La settimana passata a Roma Accademia Kronos ha avuto l’occasione di stringere la mano al generale di corpo d'armata Ciro D’Angelo, che si è appena insediato al vertice del CUFA dei Carabinieri Forestali. In uno spirito di ampia e costruttiva collaborazione Accademia Kronos ha ribadito la propria disponibilità, come nel passato, a collaborare in campagne e azioni ambientali con i Carabinieri Forestali.

Per salvare il Pianeta è fondamentale agire anche sulle nostre abitudini alimentari. Il consumo di alimenti provenienti dagli allevamenti intensivi, infatti, ha un impatto devastate sugli ecosistemi. Per questo, se entro i prossimi 12 anni non diminuiremo sostanzialmente i gas serra rilasciati nell’atmosfera, il riscaldamento globale è destinato a causare una crisi alimentare entro il 2050.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.