a cura di Franco Floris

I rifiuti sono attualmente uno dei maggiori problemi che attanaglia il nostro Pianeta, a prescindere dal modello di vita che adotteremo, per virtuoso che possa essere, in futuro produrremo sempre una grande quantità di rifiuti, di scarti industriali, urbani, agricoli, di rifiuti speciali, ecc.

Le domande e i dubbi a riguardo sono tanti e leciti: differenziamo? Attiviamo e spingiamo l’economia circolare? Produciamo gli inceneritori? Utilizziamo i dissociatori molecolari ? Adottiamo tutti gli strumenti a disposizione?

Purtroppo non c’è una direttiva, un “obbligo” nazionale/mondiale che indichi la strada da prendere. In un certo senso “si decide di non decidere”, lasciando la soluzione (si fa per dire) del problema alle organizzazioni criminali, che fanno sparire i rifiuti sotto terra o in fondo al mare, causando i danni e le ripercussioni sull’ambiente e sulla salute ben noti a tutti! Organizzazioni criminali sempre più potenti e ricche che molte volte, in virtù del mero profitto, creano e amplificano il problema.

Spesso le singole Nazioni si muovono disordinatamente, senza trovare una vera soluzione e alimentando, di riflesso, le attività “sotterranee/illecite”. E’ ormai risaputo che chi controlla il business dei rifiuti controlla il mercato e decide quali aziende far morire, quali comprare, quali controllare, condiziona la politica e i politici.

Solo leggi chiare, trasparenti e forti possono mettere un freno alle attività criminali che roteano intorno all’enorme “mercato” dei rifiuti e che la fanno da padroni sul territorio.
Se da una parte non si può dire un inceneritore per provincia (insostenibile economicamente) dall’altra no all’inceneritore a prescindere, lasciando le discariche a cielo aperto o interrate (molte delle quali non in regola, altre completamente abusive) è ancora più sbagliato.

Noi in Italia abbiamo centri di ricerca indipendenti, diamo a loro risorse ed incarichi, in base alle risposte ricevute attiviamo un piano industriale unico sui rifiuti (che sia condiviso a livello nazionale).

Le soluzioni ci sono e, secondo me, la loro sinergia potrà fornire una reale e valida risposta al problema dei rifiuti!

Articoli correlati

Siamo giunti alla conclusione di un impegno, durato quasi un anno, che tra qualche giorno ci porterà al Campidoglio di Roma. Anche questa volta ci siamo trovati in prima linea in molte situazioni ambientali critiche: dall’aumento delle temperature dell’atmosfera terrestre indotto dal continuo apporto dei gas serra, alla fusione dei ghiacci del Polo Nord, dagli incendi che hanno devastato importanti foreste del nostro pianeta, alla plastica che soffoca oceani e mari interni.

Il premio "Io faccio la mia parte" ("We are doing our part" nella versione internazionale) è un riconoscimento erede del premio "Un Bosco per Kyoto", quest'ultimo nato in Italia nel 2005 e quasi sempre celebrato nella prestigiosa sala della Protomoteca in Campidoglio (Roma). Nell’albo doro delle personalità premiate menzioniamo: Carla Fracci, Nora Jounblatt, Licia Colò, Piero Angela, Alvaro Morales e Riccardo Valentini.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.