a cura del Prof. Luigi Campanella

Attraverso studi scientifici di alto livello si è dimostrato come il cibo sia di gran lunga il farmaco più potente a nostra disposizione, notevolmente superiore nei suoi effetti terapeutici rispetto ai farmaci sintetici. Ovviamente se utilizzato in maniera appropriata.

Fa che il cibo sia la tua medicina“. La frase di Ippocrate è nota a tutti ma ancor prima di lui egiziani e assiri avevano l’esatta percezione e conoscenza capillare delle capacità terapeutiche del cibo.
Al giorno d’oggi il campo dell’alimentazione e del nutrizionismo è divenuto terreno di scontro tra le varie correnti di pensiero: carnivori che attaccano ,vegetariani che se la prendono con i vegani e via dicendo. Bisogna partire dall’analisi degli effetti benefici degli alimenti sulla salute e sugli stati patologici, tenendo conto dell’apporto biochimico e dei principi attivi in essi contenuti, dei cofattori che ne permettono l’utilizzo, dell’interazione nella combinazione degli alimenti stessi nell’ambito dello stesso pasto, delle modalità di cottura e infine dell’azione diretta dell’alimento sui singoli organi e apparati del corpo.

Nelle malattie metaboliche e nelle malattie croniche, spesso il vero farmaco è il cibo, che si dimostra capace di apportare tutti i principi nutritivi che possono mettere in grado le cellule, i tessuti, gli organi e gli apparati del nostro organismo, di approntare le difese e di circoscrivere il danno metabolico causato dalla malattia cronica.

alimenti biologici

Articoli correlati

E’ ormai indiscutibile che la genomica è la scienza sulle cui evidenze si erigerà la moderna e scientificamente fondata "medicina della prevenzione", che, per il bene delle persone e della società, ci auguriamo possa sostituire quanto prima l’attuale e ormai superata "medicina sintomatologica", la medicina del solo sintomo e del solo farmaco, incurante delle sofferenze umane ed insensibile alla prevenzione delle patologie.

Nel suo lungo storico cammino conoscitivo la mente umana spesso si disperde, anzi il più delle volte è indotta a farlo dai potenti interessi economici delle lobby che prosaicamente governano il mondo, in generiche approssimazioni, che nella realtà quotidiana si traducono nell’impossibilità di fornire alle persone un modello esistenziale sereno, una buona salute e un’alta qualità di vita.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.