di Marta Frigerio (Fonte: www.rivistanatura.com)

Da qualche tempo si discute sulla reale necessità, per noi uomini del XXI secolo, di mangiare grandi quantità di carne. Le proteine animali, infatti, sono viste da una fetta sempre crescente di popolazione come superflue e in parte dannose. Tuttavia, il consumo di carne ha avuto un ruolo cruciale nella nostra evoluzione determinando, tra le altre cose, le caratteristiche del nostro viso!

Questo è quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Nature e condotta da Daniel Lieberman e Katherine Zink, ricercatori della Harvard University.
Secondo lo studio, infatti, il consumo di carne cruda avrebbe giocato un ruolo fondamentale nella modificazione dei tratti somatici dei nostri antenati, il cui viso avrebbe col tempo assunto dimensioni più piccole e meno scimmiesche rispetto a quello dei primi ominidi, la cui dieta era per lo più vegetariana.

Il perché lo spiega Lieberman: “Ad un certo punto dell’evoluzione umana c’è stato un cambiamento, abbiamo iniziato a mangiare meno. Questa inversione di tendenza è stata resa possibile da due fattori; l’assunzione di cibo maggiormente nutriente e l’utilizzo di attrezzi di pietra per lavorarlo. La necessità di masticare per lunghi periodi è andata riducendosi e per questo i denti dei nostri antenati si sono fatti più piccoli. Se si osservano i grandi primati, infatti, si nota che questi passano fino a metà della giornata a masticare. In passato è stato così anche per gli ominidi”.
Anche le dimensioni dello stomaco si sono via via sempre più ridotte. “A parità di calorie introdotte, la carne richiede meno sforzo masticatorio e digestivo – ha concluso il ricercatore – il cambiamento ha iniziato a verificarsi quando il consumo di carne ha raggiunto un terzo della dieta quotidiana”.

PRIMITIVE_MAN_HUNTING_ANIMALS

Articoli correlati

Muso con un lungo rostro anteriore a forma di cazzuola e singolari mascelle protrudibili (ossia che si possono estroflettere), senza dubbio il nome di squalo goblin (squalo folletto) risulta indovinato per questo particolare animale marino.

I mantoidei (Mantodea) formano un corposo ordine di insetti pterigoti, che conta circa 2000 specie diffuse soprattutto nelle regioni a clima caldo e mite (ossia quelle tropicali e temperate). Tra tutte le specie di mantoidei la mantide religiosa (Mantis religiosa) è una tra le più comuni. In Italia è diffusa su tutto il territorio nazionale, dalle zone prealpine a quelle costiere (isole comprese).

Il 29 settembre è diventata una data nota a molti in quanto ad essa è stata dedicata una popolare canzone degli anni 60. A me piacciono le canzoni, ma da buon ricercatore, quale spero di essere, non posso non ricordare che quella data è importante per tutto il mondo per ben altro motivo, è la data di nascita di Enrico Fermi, il ragazzo di via Panisperna e Nobel per la Fisica, nato a Roma nel 1901, come si diceva, il 29 settembre.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.