Ne avevamo parlato un po’ di tempo fa: il fenomeno del riscaldamento globale sul nostro pianeta comincia a fare sul serio: 5 mila chilometri quadrati di ghiaccio dell’Antartide stanno scivolando in mare. Un blocco di ghiaccio impressionante, il maggiore che a memoria d’uomo si possa ricordare. E’ come se tutta la Liguria finisse per sprofondare nel Mediterraneo. Questa spaccatura sta avvenendo sulla piattaforma di ghiaccio Larsen (vedi illustrazione sotto) e se dovesse continuare fino ad immergersi nel mare, sarebbe l’inizio di altri scivolamenti di ghiaccio verso l’oceano.

Un disastro non da poco perché verrebbero condizionate correnti marine, innalzati, anche se di pochi centimetri, gli oceani, modificato il clima di parte del sud del pianeta. Insomma, mentre il presidente Trump vorrebbe uscire dall’accordo sul clima di Parigi, perché ai petrolieri USA i vincoli sottoscritti a dicembre del 2015 a Parigi gli vanno stretti, la natura prosegue la sua strada distruttiva verso il clima terrestre.

antartide cartina

Articoli correlati

La rituale disamina della stima delle temperature medie globali dell’anno passato, mediante l’analisi dei dati grezzi e grigliati, mostra come il 2017 non abbia battuto il record stabilito un anno prima dal 2016, ma ci sia andato comunque molto vicino. Infatti, nella classifica degli anni più caldi, il 2017 si colloca al secondo posto sopra il 2015, con valore di anomalia, + 0,51o °C rispetto al periodo 1981-2010, +1o °C rispetto all’inizio del secolo.

Secondo una ricerca dell’Università di Melbourne, pubblicata sulla rivista Geophysical Research Letters, le zone tropicali, dove si trovano i Paesi più poveri, saranno maggiormente colpite dal riscaldamento globale. I ricercatori hanno analizzato gli scenari e gli impatti dei cambiamenti climatici sia sui Paesi più ricchi che su quelli poveri, nel caso si verificasse un riscaldamento globale di 1,5°C rispetto all'epoca pre-industriale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.