a cura di Luigi Campanella

La rituale disamina della stima delle temperature medie globali dell’anno passato, mediante l’analisi dei dati grezzi e grigliati, mostra come il 2017 non abbia battuto il record stabilito un anno prima dal 2016, ma ci sia andato comunque molto vicino. Infatti, nella classifica degli anni più caldi, il 2017 si colloca al secondo posto sopra il 2015, con valore di anomalia, + 0,51o °C rispetto al periodo 1981-2010, +1o °C rispetto all’inizio del secolo.

L’analisi delle anomalie termiche globali del 2017 mese per mese mostra come tutti i mesi dell’anno siano risultati più caldi rispetto alla media globale. In particolare, marzo si è distinto come il mese con l’anomalia maggiore e giugno con quella minore, mentre a livello stagionale la parte finale dell’inverno e il periodo agosto-ottobre sono stati quelli con anomalie maggiori.
A livello globale l’anomalia del 2017 nel suo complesso si è manifestata con i massimi più pronunciati, tanto per cambiare, alle latitudini altissime del mar glaciale artico, sopra l’Europa e sopra l’Asia nordorientale, dove si sono superati i +0,5o °C; anche l’Europa meridionale, nord America e Asia hanno fatto registrare anomalie positive con isolinee superiori a 1o °C.

Per quanto riguarda l’anomalia del 2017 nel suo complesso sull’Europa, la situazione è questa: praticamente tutta l’Europa si è trovata in anomalia positiva, con valori di oltre 10 °C alle alte latitudini, sulla parte sudorientale, e sulla penisola iberica, e poche zone con anomalia inferiore a 0,5o °C.
E’ interessante notare come esista una buona correlazione con la piovosità. In particolare, si nota come le aree con precipitazioni più abbondanti della norma (Europa centrale e – in parte – settentrionale, Mediterraneo orientale) siano anche state quelle con le anomalie termiche minori.

In definitiva, la disamina generale di quanto accaduto nell’anno passato, al di là di qualche peculiarità geografica, conferma le tendenze già viste in quasi tutti gli ultimi anni: il riscaldamento globale prosegue senza sosta, specialmente nell’emisfero settentrionale, e le aree prossime al circolo polare artico mostrano le anomalie positive più vistose. La spirale termica continua ad allargarsi!

Articoli correlati

Il cambiamento climatico è oggi il principale problema dell'umanità. Il sistema economico globale - il capitalismo globalizzato - non ha una risposta efficace al riscaldamento globale causato principalmente dall'uso intensivo di combustibili fossili (carbone, petrolio e gas) che causano gas a effetto serra, con l'anidride carbonica come componente principale.

Per ora leggiamo cosa ha detto Greta Thumberg in occasione della COP di Katowice del dicembre 2018, il summit ONU sui Cambiamenti climatici. E' una quindicenne svedese affetta (così certificano) da una malattia, la Sindrome di Asperger, che probabilmente, al contrario di ciò che afferma la medicina sintomatologica, la rende tanto sensibile alle vicende umane da saper discernere tra il bene e il male e dar lezioni ai signori del mondo.

L'acqua imprigionata nei ghiacciai sulle regioni montane e polari, a causa del riscaldamento globale viene liberata in quantità maggiori: questi preziosi serbatoi di acqua dolce stanno infatti perdendo massa ad un ritmo impressionante. Nel bollettino della NOAA, State of Climate 2017, è stato analizzato lo stato dei ghiacciai utilizzando i dati raccolti dal World Glacier Monitoring Service.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.