Il sale marino è contaminato da microfibre di plastica

Il sale marino è contaminato da microfibre di plastica

a cura di Riccardo Lautizi

Sale marino contaminato in tutto il mondo. Nuovi studi scientifici hanno trovato diverse quantità di microfibre di plastica nel sale venduto negli Stati Uniti, in Europa e in Cina. La causa sta nel fatto che i mari sono altamente inquinati dalla plastica, che risale la catena alimentare non solo tramite il pesce e l’acqua di rubinetto, ma anche con il sale.

Già alcuni mesi fa ci eravamo occupati di come l’acqua di rubinetto sia contaminata da microfibre di plastica, spesso dovute anche ai residui lasciati dal lavaggio dei capi sintetici dalle lavatrici che non riescono ad essere eliminate dai filtri dei depuratori. A questo allarme si aggiunge quello che i pesci stanno ingerendo questa plastica scambiandola per cibo, portandoli alla morte o all’incapacità di riprodursi.

Dopo tali rivelazioni, nuovi studi hanno dimostrato che piccole particelle sono state trovate nel sale marino venduto in praticamente in tutto il mondo. La ragione è che il sale viene prodotto dall’essiccazione dell’acqua di mare.
I ricercatori ritengono che la maggior parte della contaminazione provenga da microfibre e plastica monouso come le bottiglie d’acqua e i bicchieri di plastica. Fino a 12,7 milioni di tonnellate di plastica entrano ogni anno negli oceani del mondo, il che equivale a scaricare un camion pieno di plastica al minuto nell’oceano, afferma il report delle Nazioni Unite.
Non solo la plastica è pervasiva nella nostra società in termini di uso quotidiano, ma è pervasiva anche nell’ambiente”, ha spiegato il Prof. Sherri Mason, docente presso la State University di New York al The Guardian, che ha condotto le ultime ricerche sulla contaminazione della plastica nel sale . La plastica è “onnipresente, nell’aria, nell’acqua, nei frutti di mare che mangiamo, nella birra che beviamo, nel sale che usiamo – la plastiche è ovunque”.
Mason ha collaborato con ricercatori dell’Università del Minnesota per esaminare le microplastiche nel sale, nella birra e nell’acqua potabile. La sua ricerca ha esaminato 12 diversi tipi di sale (inclusi 10 sali marini) acquistati dai negozi di alimentari in tutto il mondo. Tutti erano contaminati. La persona media potrebbe ingerire fino a 660 particelle di plastica ogni anno, se rispettano lo standard sanitario di 2.3 grammi di sale al giorno. Tuttavia, la maggior parte delle persone potrebbe ingerirne molto di più, dato che si stima che ad esempio un italiano medio consuma circa 12 grammi di sale al giorno, ovvero rischia di ingerire più di 3600 particelle ogni anno!

L’impatto dell’ingestione di plastica sulla salute è ancora sconosciuto. Gli scienziati fanno fatica ad analizzare l’impatto della plastica sul corpo umano, perché non riescono a trovare un gruppo di controllo di esseri umani che non sono stati esposti.
Tutti sono esposti a un certo livello in qualsiasi momento, dalla gestazione alla morte”, hanno scritto nel 2013 i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e dell’Arizona State University. “Sono stati trovati livelli rilevabili di bisfenolo A dalla plastica nell’urina del 95% della popolazione adulta degli Stati Uniti.”
Il lavoro del Prof. Sherri Mason si aggiunge alla ricerca sulla plastica nel sale di altri paesi in tutto il mondo, tra cui Spagna e Cina.
Uno studio spagnolo pubblicato su Scientific Report ha concluso che “i prodotti del mare sono contaminati irrimediabilmente da microplastiche” e che “esiste una presenza di fondo di microplastiche nell’ambiente”. Gli scienziati hanno testato 21 tipi di sale da cucina ed in tutti hanno trovato plastica. Il tipo più comune di plastica che hanno trovato è stato il polietilene tereftalato, il materiale usato per fabbricare le bottiglie di plastica.

C’è stato poi un altro studio realizzato da un team di ricercatori provenienti da Francia, Regno Unito e Malesia che ha testato 17 tipi di sale provenienti da 8 diverse nazioni. Le analisi hanno trovato la plastica in tutti tranne un campione e la maggior parte della plastica era di polietilene e polipropilene.
Uno studio cinese del 2015 ha trovato particelle di plastica microscopiche provenienti da scrub viso, cosmetici e frammenti di bottiglie di plastica in tutti i 15 tipi di sale testati e provenienti dai negozi alimentari.

Conclusioni
Gli scienziati hanno fatto le loro ricerche e ci vorranno forse decenni prima che si saprà l’impatto che tutto questo sta avendo sulla salute. E’ importante quindi fare prevenzione primaria ed applicare il principio di precauzione. Limitare quindi il consumo di sale, evitando quello marino e preferendo il sale rosa dell’Himalaya che non è a rischio contaminazione dalla plastica.

sale

Rispondi