Il tasso europeo

Il tasso europeo

Articolo di Gabriele La Malfa

Il tasso europeo (Meles Meles), detto anche tasso comune, è un mammifero placentato appartenente alla famiglia dei mustelidi. Il suo areale, com’è facilmente deducibile dal nome stesso, copre quasi tutta l’Europa (ad esclusione della Scandinavia settentrionale, dell’Islanda e della maggior parte delle isole del Mar Mediterraneo). In Italia è presente ovunque ad eccezione delle isole. Oltre che in Europa lo si può trovare anche in alcune zone dell’Asia occidentale dove, non di rado, convive col suo diretto “cugino”, il tasso del miele (Mellivora capensis).

Il tasso europeo, dimensioni medie (esemplare adulto) di circa un metro di lunghezza per 15-17 Kg di peso, è tra i più grandi mustelidi oggi esistenti.
Il suo caratteristico aspetto lo rende facilmente identificabile. Corpo tozzo e robusto, zampe e coda corte, collo taurino, testa piccola e allungata con un’inconfondibile mascherina formata da due fasce nere che partono dal labbro superiore, passano per gli occhi e raggiungono le orecchie.

Tra tutti i mustelidi è sicuramente quello a maggiore inclinazione onnivora. La sua dieta è composta da insetti/larve, lombrichi, lumache, uova, frutta, miele, bacche, erba, bulbi e, quando riesce a catturarli, piccoli mammiferi/uccelli. La sua alimentazione onnivora è ben evidenziata dalla dentizione (38 denti in totale): canini prominenti, incisivi di piccole dimensioni, ferini poco specializzati e forti molari.

Il tasso è un animale notturno piuttosto pacifico (a meno che non venga molestato, nel caso si può rivelare un avversario tenace), grazie alle sue forti e lunghe unghie (soprattutto quelle delle zampe anteriori) scava complesse tane nel terreno, dove trascorre gran parte delle ore diurne. Le sue abitudini sociali sono relativamente marcate, spesso divide la tana con altri 6-7 esemplari e, alcune volte, anche con animali di altre specie, come volpi rosse o cani procione.
La costruzione ed il mantenimento delle tane è una delle attività principali di questo animale, di frequente esse si tramandano di generazione in generazione, venendo continuamente ampliate e ristrutturate. Per avere un’idea della loro complessità si pensi che una tana osservata in Inghilterra contava ben 50 camere e 178 ingressi, per un totale di 879 m di gallerie sotterranee distribuite in oltre trenta metri quadrati di superficie e cinque metri di profondità!

Alle nostre latitudini, nei mesi invernali, il tasso è solito andare in “semi-letargo”, una condizione simili al letargo, quindi caratterizzata da un notevole rallentamento delle attività vitali, ma con la differenza di mantenere uno stato di semi attività, caratterizzato da sporadiche veglie/uscite per cercare il cibo. Diversamente negli Stati europei più freddi l’animale va in un vero e proprio letargo, ottura le entrate della tana e cessa completamente di uscire, rimanendo in questo stato per un periodo che può andare da novembre ad aprile.
Analogamente a molte specie che hanno un periodo annuale di letargia, il suo peso varia stagionalmente, anche in modo rilevante: in primavera-estate un adulto pesa mediamente fra i 7 e i 13 kg, mentre durante l’autunno il peso aumenta fino a 16–18 kg. Tale incremento è dovuto al considerevole accumulo di grasso corporeo necessario per affrontare il periodo di quiescenza invernale.

La stagione degli accoppiamenti va da marzo a maggio, normalmente l’estro delle femmine si verifica in questo periodo e dura appena una settimana. La gestazione vera e propria richiede 7 settimane, tuttavia, come avviene in molti mustelidi, l’ovulo fecondato va in diapausa, ossia tarda ad impiantarsi nella parete uterina da 2 a 10 mesi. In tal modo le cucciolate, composte in media da 3-5 piccoli, vengono alla luce tra febbraio e marzo, evitando gli ostici mesi invernali. Il completo svezzamento dei cuccioli dura circa 5 mesi, mentre la maturità sessuale viene raggiunta non prima dei 12-15 mesi.

Meles meles

Il tasso europeo (Meles meles), essendo un animale notturno, non è dotato di un’acuta vista (si limita agli oggetti in movimento e al bianco e nero) mentre possiede uno sviluppatissimo olfatto. Il dorso è di colore grigio-argento, mentre gola, collo, petto e zampe sono nere.
La caratteristica mascherina bianco-nera del muso non ha funzione mimetica, essendo facilmente avvistabile anche di notte, piuttosto ha funzione intimidatoria verso i potenziali predatori.

Meles_meles-zampa_anteriore

Un particolare della zampa anteriore di un tasso comune. Le unghie degli arti anteriori sono molto sviluppate, la loro funzione primaria è quella di ausilio nello scavo di buche e cunicoli, tuttavia si possono dimostrare anche efficienti armi di difesa in caso di pericolo. I tassi, così come i cani e i gatti, sono digitigradi, ovvero sono animali che usano come unico punto d’appoggio le loro falangi.

Rispondi