Il colibrì di Elena (Mellisuga helenae), endemico di ciò che rimane delle foreste di Cuba e purtroppo inserito nell’elenco delle specie in via d’estinzione (proprio a causa dei disboscamenti) è il volatile più piccolo del mondo. Pensate che a Cuba è comunemente soprannominato il  “colibrì  ape”, infatti il maschio misura circa 5,5 cm mentre la femmina poco più, 6,12 cm.

Come tutti i colibrì si nutre soprattutto di nettare, la sua dieta prevede, però, anche il consumo d’insetti. Sembra che estragga il nettare da 10-15 differenti generi di pianta. Purtroppo, come accennato sopra, questi piccoli uccelli sono (secondo la IUCN Red List) destinati ad una probabile prossima estinzione. Non a caso è stato inserito anche nell’Appendice II della CITES.

Gli esemplari della specie vivono soprattutto nelle foreste e ai margini dei boschi/foreste di Cuba. E’ piuttosto diffuso in tutto l’arcipelago (almeno nelle aree di habitat che gli rimangono), in particolare sull’isola principale omonima. Meno comune a Playa Larga.

E’ un uccello dai colori vividi e iridescenti, il maschio ha dei bellissimi colori tra il verde e il rosso, nella parte alta del corpo. In quella inferiore sono bianchi e grigi. La femmina è verde sopra e bianca sotto.
Entrambi però sono, nelle loro piccole dimensioni, piuttosto “robusti”, cosa strana per i colibrì che solitamente sono alquanto esili. Durante la stagione degli amori i maschi mettono un colore rossastro sulla testa e rosa sulla gola. Piccoli e coloratissimi non è un caso che siano riusciti ad affascinare intere popolazioni.

Le femmine si occupano di creare il nido, dalle dimensioni di appena 2,5 cm di diametro, usando pezzi di corteccia, licheni e ragnatele. Depongono due uova alla volta, grandi come piselli. La stagione riproduttiva va da marzo a giugno.

il Mellisuga helenae è chiamato colibrì ape anche perché, come le api, è importantissimo per l’impollinazione. Quando raccoglie il polline e si sposta da fiore a fiore, ecco che ne semina piccole quantità aiutando le piante a riprodursi.

Articoli correlati

In questi giorni di “clausura forzata” planetaria, si discute su come ridurre drasticamente l’uso dei combustibili fossili, rei di aver creato danni irreparabile all’ambiente naturale. Si pensa in grande e in piccolo, ma la soluzione più realistica resta quella grande, come già teorizzato da illustri tecnici ed esperti di tutti i continenti, cominciano a spuntare i primi esempi...

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.