Era il settembre del 2018 quando nel corso di una conferenza si insediava a Savona il Centro Studi Internazionale per la tutela del Mediterraneo di Accademia Kronos, che nell’occasione riceveva, per mano del Sindaco di Savona, le chiavi della nuova sede al presidente di Accademia Kronos Franco Floris.

L’altro ieri, sabato 8 giugno 2019, presso la Sala Rossa del Comune di Savona si è tenuta la conferenza di inaugurazione e di presentazione dell’attività di Accademia Kronos. I campi di interesse sono Il mare, l’ambiente, il Mediterraneo e le sue coste il tutto al centro di un ecosistema da proteggere.

La Sede operativa e di rappresentanza è all’interno della Fortezza del Priamàr a Savona, da qui può certamente definirsi una sentinella che vigila sul mare che ha di fronte, guardando anche al Parco marino internazionale “Pelagos” – Santuario dei Cetacei.

Il Centro studi, è nato da un’idea del suo Direttore Max Calzia, che è anche Coordinatore Regionale Ligure di Accademia Kronos… progetto che da subito ha trovato consenso e approvazione da parte del Presidente nazionale di Accademia Kronos Franco Floris e dal Presidente storico Ennio La Malfa.

Tra le proposte concrete che il nuovo Centro si propone, la creazione di tavoli di lavoro a cui si chiede la partecipazione di tutte le parti sociali indispensabili a portare a termine progetti anche in campo energetico e industriale, che riguardino soprattutto realtà più vicine all’area savonese e ligure coinvolgendo tutto il territorio interno, costiero e marino dei Paesi affacciati sul Mediterraneo.

L’importanza di tale progetto non poteva che raccogliere sostegno, adesioni e collaborazioni istituzionali del mondo accademico e il patrocinio del Senato della Repubblica, del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, della Regione Liguria e del suo Consiglio Regionale, della Provincia di Savona e naturalmente del Comune di Savona, città che ospita il Centro.

La cerimonia è stata presentata e moderata da Max Calzia, essendo lui stesso anche esperto di comunicazione socio-istituzionale, ex documentarista RAI.

Tra gli ospiti istituzionali, che hanno anche portato i saluti ed erano presenti alla cerimonia, il Presidente di Accademia Kronos Franco Floris, il Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, il vice Presidente della Provincia Francesco Bonasera, i Senatori Paolo Ripamonti e Francesco Bruzzone la Regione Liguria con l’assessore Stefano Mai, Il presidente del consiglio regionale Alessandro Piana, il Sindaco di Varazze Alessandro Bozzano, il vice Sindaco di Bormida Fulvio Florean, gli assessori del comune di Savona Maria Zunato, Maurizio Scaramuzza, Levrero Roberto il neo assessore a turismo del comune di Varazze Bettina Bolla in rappresentanza anche del settore dei balneari e presidente nazionale dell’associazione Donnedamare, il presidente del consiglio comunale Renato Giusto e Tiziana Voarino di Anello Verde.

Consegnata anche la bandiera della campagna di sensibilizzazione “Io faccio la mia parte“al comune di Varazze.

E’ stato anche proposto un video messaggio, inviato di recente al Governo Italiano di Jeremy Rifkin sociologo, attivista e saggista statunitense, che ha spiega in modo sintetico e semplice come tutti noi, lavorando insieme, possiamo far diventare Savona un modello di sostenibilità internazionale.

Articoli correlati

Come conseguenza del riscaldamento globale, i suoli perennemente ghiacciati dell’Artico si stanno scongelando e rilasciano sostanze altamente tossiche e inquinanti, contenute nei fossili risalenti all’era del Pleistocene. Questo è quanto emerge da una ricerca di Sue Natali, membro del ‘Woods Hole Research Center’ nel Massachusetts, portata avanti dalla Siberia all’Alaska per studiare gli effetti dello scongelamento del permafrost, il terreno tipico delle regioni dell'estremo Nord Europa, della Siberia e dell'America settentrionale.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.