Due giorni fa, sabato 8 settembre, in occasione della presentazione del libro “La caduta del cielo”, il Teatro Franco Parenti di Milano ha ospitato lo sciamano e portavoce degli indios Yanomani Davi Kopenawa e la direttrice del dipartimento Ricerca e Advocacy di Survival International Fiona Watson. L’incontro è stato voluto dal presidente di Accademia Kronos, Franco Floris, all’interno della campagna internazionale “Io faccio la mia parte“.

Davi Kopenawa viene in Italia per chiedere aiuto e Accademia Kronos ha già risposto: al più presto sarà attivata una raccolta fondi da destinare agli indios“, queste le parole di Franco Floris. Il presidente ha consegnato allo sciamano yanomani la bandiera di “Io faccio la mia parte“, con la promessa di “non lasciare più soli i fratelli della Selva nella loro battaglia per Madre Terra“. Contestualmente ha consegnato una bandiera anche all’organizzazione internazionale Survival che assiste il leader degli Yanomami.

In realtà Davi Kopenawa non è solo portavoce degli indios Yanomani, ma di tutta l’umanità, colui che ha raccolto il grido d’allarme della nostra Madre Terra. Il libro “La caduta del cielo” è un resoconto della vita e del pensiero cosmo-ecologico di Kopenawa. Traccia un quadro della cultura yanomami nel cuore della foresta pluviale, un mondo in cui l’antica conoscenza indigena rischia l’estinzione e combatte con la geopolitica globale e antropocentrica (Bruce Albert, antropologo che lavora a contatto con gli Yanomani dal 1975, ha raccolto e trascritto le parole di Kopenawa affinché possano essere comprese anche lontano dalla foresta).

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.