a cura del Prof. Luigi Campanella

Augusta Ada Byron, meglio nota come Ada Lovelace, la figlia scienziata di Byron, appassionata di matematica anticipò l’idea moderna di computer. Da piccola Ada era stata molto vivace ed intraprendente, curiosa di tutto e appassionata di invenzioni. La chiese in moglie un aristocratico, Lord William King poi conte di Lovelace. Mentre gli dava tre rampolli (il primo, erede al titolo, fu un altro ribelle che finì male), progredì negli studi matematici, entrando in contatto con alcune delle maggiori menti dell’epoca e fece amicizia con Charles Babbage, scienziato e inventore, costruttore di automi e ideatore di una macchina per eseguire complesse operazioni di calcolo.

Il governo aveva finanziato questo progetto per dieci anni, ma alla lunga aveva chiuso i rubinetti e l’idea languiva. Ada la studiò, tentò di promuoverla. Nel 1840 Babbage la illustrò ad un convegno scientifico a Torino, facendo colpo sul giovane brillante scienziato e futuro diplomatico Luigi Federico Menabrea, che le dedicò una relazione scritta in francese. Ada la tradusse in inglese, corredandola di note esplicative molto elaborate, quaranta pagine contro le venti del testo originale.

Ada spiegò come il principio di quella macchina avrebbe potuto applicarsi non solo ai numeri, ma praticamente a ogni cosa: e lo dimostrò, specie nella famosa “Nota G”, con equazione che prefigurano i programmi dei moderni computer.

Articoli correlati

L’acqua è praticamente la componente principale di molti alimenti nonché dell’ambiente e del corpo umano. Se si riflette sul fatto che essa non fornisce calorie quando assunta, si capisce come la sua funzione vitale sia legata alla necessità intrinseca da parte della cellula, espressione universale della vita. In assenza di acqua la vita è inibita.

L’imprinting è forse l’esempio di comportamento animale più noto al grande pubblico. Spiegato in due parole, si tratta di un tipo di apprendimento tipico dei piccoli di uccelli e mammiferi che, nell’arco di pochissime ore dopo la nascita, stabiliscono in base all’osservazione diretta chi è il loro genitore.

Il colibrì di Elena (Mellisuga helenae), endemico di ciò che rimane delle foreste di Cuba e purtroppo inserito nell’elenco delle specie in via d’estinzione (proprio a causa dei disboscamenti) è il volatile più piccolo del mondo. Pensate che a Cuba è comunemente soprannominato il "colibrì ape", infatti il maschio misura circa 5,5 cm mentre la femmina poco più, 6,12 cm.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.