a cura del Prof. Luigi Campanella

La pelle umana è un complesso organo multistrato che possiede tre principali proprietà meccaniche: la plasticità (distensione), l’elasticità e la viscoelasticità.

– La plasticità della pelle riflette la resistenza alla deformazione (abilità a sottostare alle distensioni) sotto l’influenza di una perturbazione meccanica.
– L’elasticità è correlata all’abilità della pelle a recuperare la forma iniziale dopo una deformazione.
– La viscoelasticità consiste di una deformazione dipendente dal tempo con un fenomeno di raggrinzimento e con una correlazione non lineare fra stress e stiramento, con relativa isteresi. Il raggrinzimento è definito come una lenta elongazione della pelle con un carico costante nel tempo. L’isteresi è correlata al ritardato ritorno della pelle alla sua forma iniziale dopo la rimozione della forza dello stress.

Le proprietà meccaniche della pelle sono principalmente controllate da quelle dello strato corneo dell’epidermide e delle fibre di collagene e di elastina e delle sostanze che negli strati più profondi della pelle circondano il sistema intercellulare. Le proprietà meccaniche della pelle sono molto importanti per la funzione protettiva e per le esigenze di estetica. Essi cambiano durante la vita a causa dell’invecchiamento e di vari fattori esterni, la luce innanzitutto.

Per preservare le proprietà della pelle vengono utilizzati i prodotti cosmetici dei quali esiste un’ampia varietà con un elevato numero di composti coinvolti (glicerina, urea, acido ialuronico, sericina, oli vegetali, tutti fattori umidificanti; alfa idrossi acidi come promotori dell’esfoliazione e quindi del ricambio, ma anche di un alleggerimento dello strato corneo). Sono anche presenti nelle confezioni commerciali composti tesi a stimolare la biosintesi del collagene e delle proteine epidermiche: è il caso del palmitato di retinile e del peptide del collagene.

L’applicazione di questi prodotti cosmetici è molto giovevole per migliorare la meccanica della pelle attraverso differenti meccanismi. Di recente le moderne tecniche non invasive di bioingegneria permettono di quantificare le proprietà meccaniche della pelle ed il loro cambiamenti dovuti all’applicazione dei prodotti cosmetici. Ciascuno dei parametri meccanici determinati è correlato alla struttura ed alla composizione della pelle e pertanto fornisce informazioni circa i componenti che risultano bersaglio del cosmetico e come questi agisca. La singola applicazione di un cosmetico migliora la plasticità dell’epidermide (principalmente lo strato corneale) aumentando l’idratazione o diminuendo la coesione intercorneale. Le applicazioni multiple dei cosmetici migliorano la plasticità della pelle a causa dell’accrescente contenuto di acqua e/o l’accumulo di componenti ad hoc sintetizzati.

Articoli correlati

I venti del deserto portano ancora oggi con sé "nuvole" di milioni di insaziabili locuste che distruggono ettari di raccolto in poco tempo; all’arrivo degli ortotteri, le coltivazioni subiscono violente devastazioni capaci di portare alla fame interi villaggi e comunità umane in tutto il mondo, dalla Penisola Arabica all’India, dalla Bolivia all’Argentina, dal Madagascar alla Russia.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.