LA PUGLIA E’ LA PRIMA REGIONE CHE VIETA L’USO DELLA PLASTICA MONOUSO NELLE SUE SPIAGGE E INVITA I PESCATORI PROFESSIONISTI A RACCOGLIRE I RIFIUTI DI PLASTICA IN MARE (UN PLAUSO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE MICHELE EMILIANO)

Nei lidi della Puglia sarà vietato introdurre stoviglie, cannucce e sacchetti in plastica già dalla stagione 2019. Il divieto è stato ufficializzato con l’ordinanza balneare della Regione siglata lo scorso 7 marzo e annunciato al termine di una riunione di confronto con i rappresentanti dei sindacati dei balneari e delle associazioni ambientaliste.

Con due anni di anticipo sulla direttiva europea, dunque, la Puglia diventa la prima Regione a vietare la plastica monouso nelle spiagge. Il provvedimento accelera l’impegno dei 200 balneatori pugliesi che già a febbraio scorso avevano annunciato l’utilizzo di buste di carta e la riduzione della plastica monouso.

Un piccolo grande passo nella lotta contro il marine litter e le tonnellate di rifiuti non biodegradabili che finiscono nei nostri mari, come sottolinea anche l’assessore al Bilancio Raffaele Piemontese sulla sua pagina FB: “D’intesa con il presidente Michele Emiliano, ho proposto ai rappresentanti degli stabilimenti balneari, che hanno condiviso all’unanimità, la decisione di dire stop, sin da questa stagione estiva, alla plastica sui nostri lidi, a favore invece di materiale compostabile e monouso. È un risultato prezioso per l’equilibrio futuro del nostro ambiente marino. Siamo orgogliosi di poter mettere questo altro tassello in una Puglia sempre più green e ambientalista“.

Solo imballaggi , piatti, bicchieri e cannucce biodegradabili, dunque, potranno essere venduti nei lidi e introdotti sulle spiagge. Con un’unica eccezione per le bottigliette d’acqua che, data la mancanza sul mercato di valide alternative facilmente utilizzabili dai gestori, si potranno ancora vendere, almeno per l’estate 2019.

Una bella novità che rende il mare della Puglia ancora più meritevole di essere visitato e scelto per le proprie vacanze.

Articoli correlati

Il Ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia. Tra le novità, rispetto al documento presentato nel 2017, c’è la rimozione della parte relativa agli abbattimenti controllati, che aveva scatenato accese proteste da parte delle associazioni ambientaliste, sostituite da una corposa sezione di strategie per prevenire gli attacchi dei lupi agli animali da allevamento, con nuove modalità di dissuasione attiva degli animali selvatici a tutela degli allevamenti.

In un piovoso pomeriggio di aprile nella sala conferenze del centro "mutilati di guerra" del Comune di Reggio Calabria, alla presenza dei dirigenti del Comune ospitante e di altri Comuni limitrofi, nonché con la presenza di 11 associazioni culturali, ambientaliste e della protezione civile calabrese, si è tenuto il secondo appuntamento sulle sulla storia di Accademia Kronos, il primo appuntamento era stato celebrato qualche mese prima a Spoleto.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.