Articolo di Gabriele La Malfa

La tartaruga alligatore (Macrochelys temminckii) è una delle più grandi tartarughe d’acqua dolce esistenti, un esemplare adulto pesa circa 80-100 kg e misura, approssimativamente, un metro e mezzo di lunghezza.
Il carapace ha un aspetto piuttosto peculiare, appare diviso in tre carene longitudinali ed ha grandi creste dorsali (osteodermi), che contribuiscono, non poco, a dargli un aspetto da “animale preistorico”. La bocca presenta un becco corneo uncinato, che facilità la cattura delle prede.
Vive nelle aree centro-meridionali degli Stati Uniti, in corrispondenza di laghi, stagni e fiumi; ovviamente il bacino fluviale del Mississippi (fino agli Stati del Kansas, Iowa ed Indiana) rappresenta il suo habitat principale.

La dieta di questo chelonide è carnivora, formata essenzialmente da pesci, anfibi e crostacei d’acqua dolce e, alle volte, anche da piccoli mammiferi.
La sua tecnica di caccia è piuttosto singolare, si base sulla sinergia di due tipi di mimetismo, quello “criptico” e quello “aggressivo”. L’animale rimane immobile con la bocca spalancato sul fondale, il carapace ricoperto da micro-alghe lo fa confonde col substrato (mimetismo criptico), nel frattempo la lingua, dotata di un’appendice vermiforme sulla punta, imita i movimenti e le forme di un verme, attirando, così, un’ignara preda verso le fauci (mimetismo aggressivo). Una volta che la preda sta a portata di bocca, questa si richiude rapidamente ed intrappola la vittima in una letale morsa.

La tartaruga alligatore è molto legata all’ambiente acquatico, infatti, sebbene non sia un abile nuotatrice, passa gran parte del tempo sui bassi fondali di corsi d’acqua o stagni, preoccupandosi solo di mettere, di tanto in tanto, fuori dalla superficie il naso per respirare.
Anche gli accoppiamenti, che avvengono tra febbraio ed aprile, sono subacquei; l’unica attività che avviene sistematicamente sulla terra ferma è la deposizione delle uova. Tra aprile e giugno la femmina depone le uova fecondate (da 10 a 50) in un nido scavato a circa 40-50 metri dal bordo dell’acqua (ciò per prevenire possibili inondazione/allagamenti dello stesso). L’incubazione dura circa 4 mesi e il sesso dei nascituri, analogamente alla maggior parte delle tartarughe e delle testuggini, dipende dalla temperatura dell’alcova.

Non si conosce l’esatta durata di vita della tartaruga alligatore, si ritiene possa arrivare a 150 anni di età, anche se di norma gli animali in cattività vivono tra i 20 e i 70 anni e gli esemplari liberi in natura hanno un’aspettativa media di vita compresa tra i 50 e gli 80 anni.

Ad oggi l’animale risulta ancora abbastanza diffuso negli Stati Uniti meridionali, tuttavia è classificato dalla “lista rossa IUCN” come una specie a rischio, poiché la riduzione degli habitat e la caccia da parte dell’uomo ne stanno diminuendo significativamente la popolazione.

In Italia ne è vietata sia la detenzione che la vendita. Sul nostro territorio l’animale viene classificato come potenzialmente pericoloso per l’incolumità e la salute pubblica. D’altra parte, pur non risultando particolarmente aggressivo, le sue grandi fauci possono procurare gravi lesioni.

alligator-snapping-turtle

La pressione che riesce ad applicare sulle mascelle non è elevatissima in termini assoluti, raffrontabile con quella dell’uomo, tuttavia più che sufficiente a tranciare un dito di una mano (motivo per cui tale animale va trattato solo da personale specializzato).

alligator_snapping_turtle_tongue

Nella foto, in evidenza, la punta vermiforme della lingua di una tartaruga alligatore.

Articoli correlati

Qual'è la situazione attuale? Abbiamo ancora tempo per invertire la rotta? Come possiamo evitare di finire in un mare di plastica? Se filtrassimo tutte le acque salate del mondo, scopriremmo che ogni chilometro quadrato di esse contiene circa 46.000 micro particelle di plastica in sospensione! Numeri impressionanti di un fenomeno che non è circoscritto alle cinque "isole di plastica" in continuo accrescimento negli Oceani, ma tocca anche il nostro Mar Mediterraneo.

"Maramao perché sei morto? … l’insalata era nell’orto", queste sono due significative frasi di un noto brano italiano antifascista del ‘39 che, parafrasando, potrebbero anticipare ciò che attende l’orango del Borneo in un prossimo futuro. Il gatto Maramao (animale notoriamente carnivoro) era morto “malgrado” avesse l’orto pieno di insalata, così l’orango del Borneo rischia l’estinzione "malgrado" sia circondato da innumerevoli piantagioni di palma da olio.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.