Fonte: RivistaNatura.com

L’opportunismo nel mondo animale non è un fenomeno nuovo e i ricercatori della British Columbia University in Sud America hanno recentemente approfondito le conoscenze riguardo a un comportamento alquanto peculiare, oggetto di studi da diversi anni, ma mai compreso fino in fondo. Protagonista è la vespa parassitoide Zatypota (Zatypota sp.), capace di trasformare i ragni della specie Anelosimus eximius in “zombie” al suo servizio.

Ecco le varie fasi del processo:
• la vespa adulta depone il proprio uovo nell’addome di un ragno;
• successivamente la larva si schiude e si attacca al suo ospite;
• gli studiosi presumono che, quindi, si nutra della emolinfa del ragno, diventando più grande e invadendo lentamente il suo corpo;
• il ragno, ora “zombificato”, viene così indotto a lasciare la propria colonia e a costruire un bozzolo dove ripararsi;
• una volta nel bozzolo, la larva divora il ragno e, dopo una decina di giorni, si trasforma in vespa.

Vespe che manipolano i ragni
A stupire gli studiosi dell’università canadese è stato proprio il comportamento del ragno. Esistono altri casi simili di parassitismo, in cui le vespe colpiscono specie solitarie di ragni e ne manipolano i comportamenti.
«Vespe che manipolano il comportamento dei ragni sono già state osservate, ma non a un livello così complesso – ha affermato Philippe Fernandez-Fournier, autore principale dello studio –. Questa vespa è in grado di far allontanare il ragno dalla sua colonia, cosa che in natura non avviene quasi mai. È come se l’insetto riuscisse a condizionare il cervello dell’aracnide e a modificarne il comportamento».

Come viene influenzato il comportamento
Come è possibile che la vespa riesca a condizionare così radicalmente il comportamento del ragno? I ricercatori, a questa domanda, stanno ancora cercando una risposta esaustiva. L’ipotesi finora più accreditata è che la vespa riesca a “impadronirsi” del “cervello”(dei gangli nervosi più precisamente) del ragno iniettandogli ormoni in grado di modificare il suo comportamento.

Articoli correlati

La discussione sui cambiamenti climatici e sull’influenza esercitata su di essi da parte delle attività antropiche si articola su due posizioni estreme ("è tutta colpa dell’uomo che ha provocato danni irreversibili e continua a provocarne" da un lato, "il riscaldamento globale non è prodotto dall’accresciuto effetto serra ma dalle oscillazioni statisticamente sempre rilevabili" dall'altro lato) e su molte posizioni intermedie fra queste.

Ancora oggi è un luogo comune affermare che l’America sia stata scoperta da Cristoforo Colombo, semmai l’affermazione potrebbe essere corretta in: "Cristoforo Colombo, sbarcando nel nuovo continente, aprì le porte agli europei che nei successivi secoli compirono spesso stragi e distruzioni di intere civiltà".

(Fonte: RivistaNatura.com) Dopo essere stato sull’orlo dell’estinzione negli anni ’70, il lupo è tornato a popolare il territorio italiano e la sua diffusione cresce di anno in anno, come dimostrano i dati presentati dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nel corso del convengo "Verso un Piano nazionale di monitoraggio del lupo", tenutosi a Roma.

Finalmente è arrivata a far giustizia la biologia molecolare…. Il secolo scorso (XX) sulla "razza" ne ha viste di tutti i colori, da Auschwitz alle foibe, sulle ceneri del genocidio di qualche secolo prima che aveva portato allo sterminio delle popolazioni indigene di tutto il continente americano, senza dimenticare le deportazioni di persone "nere" da interi villaggi della costa atlantica dell’Africa, rese schiave al grido del motto nazionale “in God we trust” o “In Deo speramus”.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.