Fonte: RivistaNatura.com

L’opportunismo nel mondo animale non è un fenomeno nuovo e i ricercatori della British Columbia University in Sud America hanno recentemente approfondito le conoscenze riguardo a un comportamento alquanto peculiare, oggetto di studi da diversi anni, ma mai compreso fino in fondo. Protagonista è la vespa parassitoide Zatypota (Zatypota sp.), capace di trasformare i ragni della specie Anelosimus eximius in “zombie” al suo servizio.

Ecco le varie fasi del processo:
• la vespa adulta depone il proprio uovo nell’addome di un ragno;
• successivamente la larva si schiude e si attacca al suo ospite;
• gli studiosi presumono che, quindi, si nutra della emolinfa del ragno, diventando più grande e invadendo lentamente il suo corpo;
• il ragno, ora “zombificato”, viene così indotto a lasciare la propria colonia e a costruire un bozzolo dove ripararsi;
• una volta nel bozzolo, la larva divora il ragno e, dopo una decina di giorni, si trasforma in vespa.

Vespe che manipolano i ragni
A stupire gli studiosi dell’università canadese è stato proprio il comportamento del ragno. Esistono altri casi simili di parassitismo, in cui le vespe colpiscono specie solitarie di ragni e ne manipolano i comportamenti.
«Vespe che manipolano il comportamento dei ragni sono già state osservate, ma non a un livello così complesso – ha affermato Philippe Fernandez-Fournier, autore principale dello studio –. Questa vespa è in grado di far allontanare il ragno dalla sua colonia, cosa che in natura non avviene quasi mai. È come se l’insetto riuscisse a condizionare il cervello dell’aracnide e a modificarne il comportamento».

Come viene influenzato il comportamento
Come è possibile che la vespa riesca a condizionare così radicalmente il comportamento del ragno? I ricercatori, a questa domanda, stanno ancora cercando una risposta esaustiva. L’ipotesi finora più accreditata è che la vespa riesca a “impadronirsi” del “cervello”(dei gangli nervosi più precisamente) del ragno iniettandogli ormoni in grado di modificare il suo comportamento.

Articoli correlati

3000 anni fa sul frontone del tempio di Apollo a Delfi c’era scritto: “γνώθι σαυτόν” Conosci te stesso, era questa la risposta all’uomo che chiedeva di sapere chi era, da dove veniva e dove sarebbe andato. Questo è quello che abbiamo appreso al liceo, ma non ci è stato mai detto che sul frontone c’era scritto anche dell’altro e cioè: conosci te stesso e conoscerai l’universo e gli dei. Perché ci è stato "nascosto"? Forse qualcuno ha sempre cercato di nasconderci la verità e questo per essere ben indottrinati su canali prestabiliti.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.