a cura di Daniele Strizioli

Roberto Sasso del Verme, sindaco di Laigueglia: “E’ questo un sistema innovativo che ottimizza il trattamento e consente di evitare i pericoli di inquinanti organici verso le zone balneari

Laigueglia. Dopo aver inaugurato l’impianto di trattamento primario nel 2017 e dopo aver ultimato la posa di circa 200 metri lineari di scarico emergenziali nel mese di marzo 2018, sarà posizionato il sistema Muds.
Questo innovativo sistema di depurazione (brevettato da Muds srl spin-off universitaria) ottimizza in modo economico la qualità del trattamento dei liquami. E’ un sistema evoluto che consente di evitare i pericoli di  inquinanti organici verso le zone balneari. Muds favorisce una rapida riconversione della sostanza organica in bio-massa vivente che è il sistema nutritivo della fauna marina: un ottimo sistema per migliorare la qualità dell’ambiente marino nello specchio d’acqua antistante un dei Borghi più belli d’Italia.

< Dopo aver eseguito un importante intervento sul ripopolamento ittico prospiciente Laigueglia, ora avremo un altro importante tassello per la vita del mare. Infatti giorni fa, ha dichiarato il sindaco Roberto del Verme, al porto di Alassio i moduli del sistema Muds sono stati caricati sulla chiatta che li ha portati a Laigueglia per la posa in opera >

Nasce in Italia una tecnologia rivoluzionaria che presto, si spera, verrà adottata da tutti i comuni rivieraschi mediterranei, al fine di migliorare la qualità delle acque marine. Ovviamente tra breve inizierà una serie di monitoraggi e verifiche tra il Comune e l’Università di Genova, nonché con l’azienda che ha realizzato i moduli, e questo per dare l’OK definitivo all’operazione prima dell’estate.
I promotori di questo esperimento dichiarano di non accontentarsi più di rispettare i limiti imposti dalla legge, ma di andare oltre al fine di migliorare l’ecosistema mare, al momento in una limitata area marina della Liguria, ma con l’obiettivo finale di migliorare tutto quello che lambisce le coste italiane.

Il comune però non si ferma qui, ha in programma una serie di interventi nelle scuole di ogni ordine e grado per redigere un nuovo documento di politica ambientale e, nel contempo, avviare una serie di attività legate al mondo del mare sia rivolte verso i giovani che verso i turisti e, ovviamente, i cittadini.

Articoli correlati

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.