a cura di Elisabetta Intini (fonte: Focus)

Gli esseri umani sono una frazione insignificante dei viventi, eppure hanno cancellato l’83% dei mammiferi selvatici. In quanto a biomassa totale sono invece le piante a farla da padrone. Gli snimali da allevamento sono il 60% di tutti i mammiferi terrestri!

Sulla Terra ci sono (oggi) ben 7,6 miliardi di persone: vi stupirà forse sapere che tutta questa umanità rappresenta però appena lo 0,01% della vita sul Pianeta. Pochi, in percentuale, eppure pare che abbia causato, insieme alle precedenti generazioni di Sapiens, la scomparsa dell’83% dei mammiferi selvatici e della metà delle piante. Queste sono alcune delle lapidarie e sconfortanti conclusioni di uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, il primo a stimare le diverse componenti della biomassa totale (ossia l’insieme di organismi viventi) sulla Terra.

I batteri, come si sospettava, rappresentano una fetta importante del totale – il 13% – ma sono le piante le signore incontrastate: nel loro insieme, costituiscono l’82% della materia vivente. Tutto ciò che resta, dagli insetti ai funghi, dai pesci ai mammiferi, messi insieme non fanno che un misero 5%. Un’altra sorpresa è che la maggior parte delle forme di vita (l’86%) vive sulla terraferma, e il 13% (un ottavo del totale: si tratta soprattutto di batteri) nelle profondità del suolo. Gli oceani, che pensavamo così ricchi di vita, ospitano appena l’1% della materia vivente.

DOPO DI NOI: OSSA DI POLLO. Benché insignificante, in termini di rappresentanza, l’uomo è senza dubbio un abile sfruttatore di risorse: la sua presenza ha modificato radicalmente gli equilibri tra specie viventi. Un esempio: soltanto il 30% degli uccelli del pianeta è costituito da specie selvatiche; il restante 70% è pollame da allevamento.

Tra i mammiferi, le proporzioni fanno ancora più impressione: il 60% sono animali da allevamento (bovini e suini), il 36% sono umani e solo il 4% appena mammiferi selvatici!

UN’INFLUENZA ENORME (USATA MALE). La diffusione dell’agricoltura e delle attività industriali ha lasciato sul pianeta soltanto un sesto dei mammiferi selvaggi originari, cancellato l’80% dei mammiferi marini e il 15% della biomassa ittica. Nonostante l’ingombrante influenza, in termini di massa totale l’Homo sapiens impallidisce in confronto ai “coinquilini” terrestri: in termini di “biomassa” i virus (e i vermi) sono 3 volte più abbondanti di noi, i pesci 12 volte più presenti, insetti e crostacei 17 volte, i funghi 200 volte, i batteri 1.200 e le piante 7.500 volte. Ciò nonostante, le nostre scelte alimentari possono avere un effetto determinante sull’abbondanza delle altre specie.

Articoli correlati

Dear environmental friends, the whole world and our Europe are experiencing a difficult time, which is putting this economic model in crisis, with profound repercussions on the life of each of us. Many people are confused and worried about this pandemic, they fear for the health of themselves and their loved ones.

Cari amici ambientalisti il Mondo intero e la nostra Europa stanno vivendo un momento difficile, che sta mettendo in crisi questo modello economico, con profonde ripercussioni sulla vita di ognuno di noi. Moltissime sono le persone confuse e preoccupate da questa pandemia, temono per la salute propria e dei loro cari.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.