a cura del Prof. Ezio Gagliardi (comitato scientifico di Accademia Kronos)

L’Italia è il terzo maggior importatore europeo di olio di palma, con cifre di tutto riguardo (1 milione di tonnellate nel 2012). La materia prima viene utilizzata dalle industrie food (85%) e no food (cosmetici, detersivi, saponi, lubrificanti, biocarburanti) (1)

Nella recente metanalisi di Sun, pubblicata sul Journal of Nutrition del 2015, le evidenze relative agli effetti dell’olio di palma sul profilo lipidico sono poco confortanti.

– La revisione sistematica dimostra, infatti, che il consumo di olio di palma comporta l’incremento del colesterolo totale, LDL e HDL, rispetto ad altri oli a basso tenore di acidi grassi saturi (2); comparando l’olio di palma con grassi animali, la distribuzione posizionale dell’acido palmitico nel trigliceride può influenzare il profilo lipidico; e ha dimostrato che il consumo di lardo (39% di grassi saturi con acido palmitico prevalentemente posizionato centrale nel trigliceride) induceva una modesta, ma significativa, riduzione del colesterolo totale e del rapporto colesterolo totale/colesterolo HDL, rispetto alla stearina di palma. (3)

– L’accusa più rilevante a carico degli oli tropicali si rivolge all’allattamento artificiale e sul loro uso e abuso in età adolescenziale; tale condotta viene veicolata dall’uso reiterato con ‘consigli per gli acquisti’ su merendine farcite e patatine dorate con servizi mandati in onda in televisione durante la fascia oraria a ‘protezione specifica’ (D. Lgs.177/2005) condizionato dal gadget di turno. (4)

La metanalisi conclude: “gli acidi grassi saturi del grasso di palma sembrano avere gli stessi effetti sul Colesterolo LDL come quelli dei grassi animali, raccomandando un uso limitato dei grassi saturi, rimpiazzati ove possibile da grassi insaturi” (6)

– Un lavoro pubblicato su Lipids nel 2014 (5) dove si associa il consumo di acido palmitico con l’incremento di sostanze infiammatorie circolanti nel sangue. È noto che gli stati di infiammazione cronica favoriscono lo sviluppo di varie patologie come le cardiovascolari, l’aterosclerosi, il diabete e anche alcuni tumori.

Solide evidenze scientifiche hanno infine dimostrato inconfutabilmente che l’obesità rappresenta il principale fattore di rischio per patologie quali insulino-resistenza, diabete mellito tipo 2, ipertensione, dislipidemia, steatosi epatica, apnee notturne, osteo-artropatie, malattia coronarica(7,8) e alcuni tumori.
Purtroppo, si sta assistendo negli ultimi anni ad un drammatico incremento della prevalenza di obesità in tutti i paesi civilizzati e non risparmiando, tra l’altro, Paesi ad economia emergente. Per tale “pandemia”, lo statunitense CDC (Centers for Disease Control and Prevention) ha coniato il neologismo globesity. In ambito europeo il nostro Paese detiene il primato negativo sulla prevalenza di bambini in età scolare affetti da sovrappeso/ obesità (36%).

L’industria alimentare utilizza olio di palma per la produzione di oli per frittura, prodotti da forno (panini, pancarrè, fette biscottate, cracker, grissini e dolciari (merendine, brioches, margarine, gelati, creme spalmabili, farciture, canditure, glasse) e nel latte artificiale, dove la presenza di acido palmitico prevalentemente in posizione 2 nel trigliceride lo rende meno assorbibile, riducendo drasticamente anche l’assorbimento del calcio.

– Da molti anni, dopo la IIa guerra mondiale, assistiamo a una riduzione del tempo e della frequenza dell’ allattamento al seno, dovute in parte a una maggiore partecipazione della donna nel mondo del lavoro e all’anticipo del divezzamento; può accadere che già dopo pochi giorni, con la mamma che ha difficoltà ad allattare, al bambino venga somministrato latte artificiale; tale modalità viene favorita dalla maggiore disponibilità di latti sempre più dietetici, più appetibili e meglio conservabili.
Considerando l’età e il peso dei neonati, bisogna essere sicuri che il prodotto che viene somministrato a bambini così piccoli sia non solo adatto, ma anche sicuro dal punto di salubrità alimentare. Negli ultimi 10 anni sono stati evidenziati nuovi contaminanti come il 3-monocloropropandiolo (3-MCPD) e glicidolo con i suoi esteri presenti in alcuni alimenti (latte artificiale, snack food e oli vegetali trasformati, principalmente nell’olio di palma) considerati tossici per l’uomo e l’ultimo anche cancerogeno.

– Il 3-MCPD e i suoi esteri si formano in tali alimenti in particolare durante i processi di raffinazione degli oli; secondo l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) il livello di assunzione di 3-MCPD attraverso la dieta è talmente elevato da indurre potenziali problemi per la salute dei grandi consumatori di prodotti che contengono oli vegetali, specialmente l’olio di palma (biscotti, merendine, snack, ecc.) e soprattutto in adolescenti, bambini e neonati alimentati esclusivamente con latte in polvere; in tale prodotto sono stati rilevati alti livelli di 3-MCPD e esteri del glicidolo, superiori ai limiti di legge e comunque più alti di tutti gli altri oli vegetali;

– i GE (derivati del glicidolo) si accumulano in tutti i grassi vegetali durante il processo di raffinazione, soprattutto se presente l’olio di palma; dai dati raccolti da esperimenti condotti su animali – si evince che i derivati del glicidolo possono avere un effetto genotossico, cioè in grado di danneggiare il Dna, causando un aumento del rischio di alcune forme di tumore (9).

Le tabelle 1 e 2 sotto riportate preoccupano non poco soprattutto per i bambini sotto i tre anni

Tabella 1. Concentrazioni di contaminanti riscontrate in alcuni alimenti.: Efsa Scientific Opinion Adopted: 3 March 2016doi: 10.2903/j.efsa.2016.4426 (10)

Tabella 2. Livelli di esposizione media ai contaminanti. Efsa Scientific Opinion Adopted: 3 March 2016
doi: 10.2903/j.efsa.2016.4426 (10)

– Negli ultimi 10-20 anni abbiamo associato a un incremento del consumo di latte artificiale un maggiore utilizzo di olio di palma nel medesimo. Mi chiedo se l’incremento di grassi saturi e in particolare di grasso di palma nel latte artificiale e nei snack food possa aver favorito l’incremento dell’obesità e dei tumori in Italia in età adolescenziale, penso che tale ipotesi non sia esaustiva; in futuro andremo ad approfondire altre cause che possono contribuire a tale tendenza.

Riferimenti:
1) Olio di palma:dal biberon allo snack Miniello VL, Diaferio L.Dipartimento di Assistenza Integrata, Scienze e Chirurgia Pediatrica – Ospedale Pediatrico “Giovanni XXIII”, Universita di Bari “Aldo Moro”
2) Fattore E, Bosetti C, Brighenti F et al. Palm oil and blood lipid-related markers of cardiovascular disease: a ystematic review and meta-analysis of dietary intervention trials. Am J Clin Nutr 2014;99:1331-50.
3) 48. Forsythe CE, French MA, Goh YK et al. Cholesterolaemic influence of palmitic acid in the sn-1, 3 v. the sn-2 position with high or low dietary linoleic acid in healthy young men. Br J Nutr 2007;98:337-44
4) 72. Nestle M. Food marketing and childhood obesity: a matter of policy. N Engl J Med 2006; 354:2527-29.
5) Perreault M 1 , Roke K , Badawi A , Nielsen DE , Abdelmagid SA , El-Sohemy A , Ma DW , Mutch DM Lipidi. 2014 marzo; 49 (3): 255-63. doi: 10.1007 / s11745-013-3874-3. Epub 2013, 15 dicembre. I livelli plasmatici di 14: 0, 16: 0, 16: 1n-7 e 20: 3n-6 sono associati positivamente, ma 18: 0 e 18: 2n-6 sono inversamente associati ai marker di infiammazione nei giovani adulti sani.
6) Sun Y, Neelakantan N, Wu Y et al. Palm Oil Consumption Increases LDL Cholesterol Compared with
Vegetable Oils Low in Saturated Fat in a Meta-Analysis of Clinical Trials. J Nutr 2015;145:1549-58. 20 REVIEW Per contattare l’autore Vito Leonardo Miniello: vito.miniello@libero.it
7) Miniello VL, Faienza MF, Scicchitano P, et al. Insulin resistance and endothelial function in children and adolescents. Int J Cardiol 2014;174:343-7.
8) Ciccone MM, Miniello VL, Marchioli R, et al. Morphological and functional vascular changes induced by childhood obesity. Eur J Cardiovasc Prev Rehabil 2011;18:831-5
9) Comunicato Efsa 3 Maggio 2016.
10) Efsa Scientific Opinion Adopted: 3 March 2016doi: 10.2903/j.efsa.2016.4426

Articoli correlati

Quarta edizione del premio riservato a persone, enti e nazioni che hanno dimostrato di aver fatto la “loro parte” per proteggere l’ambiente e il clima terrestre. La cerimonia di consegna dei premi è prevista per il 26 novembre 2020, alle ore 10 presso la prestigiosa Sala della Protomoteca del Campidoglio di Roma.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.