Manifestazione del 27 settembre 2019 nella sala della Protomoteca in Campidoglio, Roma
(accreditamento dalle 9.15, inizio previsto per le 10.00)

Il premio “Io faccio la mia parte” (“We are doing our part” nella versione internazionale) è un riconoscimento erede del premio “Un Bosco per Kyoto”, quest’ultimo nato in Italia nel 2005 e quasi sempre celebrato nella prestigiosa sala della Protomoteca in Campidoglio (Roma). Nell’albo doro delle personalità premiate menzioniamo: Carla Fracci, Nora Jounblatt, Licia Colò, Piero Angela, Alvaro Morales e Riccardo Valentini.

ELENCO E MOTIVAZIONE DEI BENEFICIARI DEL PREMIO EDIZIONE 2019


PREMIO INTERNAZIONALE “We are doing our part”

COSTA RICA nella persona del Ministro Dell’Ambiente Carlos Manuel Rodriguez 
La Costa Rica è conosciuta come una tra le nazioni ambientaliste più virtuose del pianeta. Il rispetto per l’ambiente affonda le radici nelle scelte di un governo illuminato che, trent’anni fa, ha puntato tutto sulla tutela delle foreste, sull’istituzione dei parchi protetti, sul rimboschimento e sull’educazione ambientale. Oggi quasi il 30% del proprio territorio è vincolato come aree protette. Non solo ma la sua politica lungimirante ha trasformato questo piccolo paese centroamericano in un modello di sviluppo sostenibile e nel settore delle energie rinnovabili con l’obiettivo di diventare entro il 2021 il primo Paese del Centro e del Sud dell’America “carbon neutral”, cioè in grado di compensare il totale delle emissioni di CO2.

F I G O nella persona di Maria Dolores Gomez Roig
FIGO (The International Federation of Gynecology and Obstetrics) è un’organizzazione mondiale di medici ostetrici e ginecologici che è nata diversi anni fa con lo scopo di tutelare la salute delle donne e dei nascituri. Ultimamente ha iniziato a studiare le interazioni tra l’ambiente estero e i feti, comprendendo che già all’interno del ventre della madre cambiamenti climatici e inquinamento dell’aria e dei suoli possono danneggiare il nascituro. E’ questa la prima organizzazione medica al mondo che si occupa di questo problema e lo fa informando medici e pubblico in genere del rischio inquinamento nello sviluppo del feto.


PREMIO NAZIONALE “Io faccio la mia parte”

MICHELE EMILIANO – Governatore Regione Puglia
Si è dimostrato da subito sensibile alle problematiche ambientali, cominciando a contestare il progetto di trivellazione per la ricerca di idrocarburi nel Mar Adriatico, fino a vietare a partire dall’anno in corso l’uso della plastica monouso sulle spiagge della Puglia. Alla Commissione Ambiente di Bruxelles ha presentato un ambizioso progetto” Un pianeta pulito per tutti” che se attuato porterebbe benefici a tutto il pianeta.

CUFA Carabinieri forestali – nella persona del Gen. C.A. Ciro D’Angelo
Riconoscimento per l’impegno, ereditato dalla lunga e gloriosa storia del Corpo Forestale della Stato, nel tutelare in tutti i suoi aspetti l’ambiente naturale del nostro Paese. L’attuale Comando delle Unità forestali, ambientali e agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri, avvalendosi di propri reparti dedicati all’espletamento di compiti di elevata specializzazione in materia di tutela dell’ambiente, del territorio e delle acque, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare garantisce un attento controllo su tutta la biodiversità del nostro territorio nazionale, prevenendo crimini ambientali e danni al patrimonio forestale. La dove è richiesta alta professionalità e competenza nel settore ambientale, i Carabinieri Forestali possono operare in altri luoghi del pianeta.

EDO RONCHI
Già Ministro dell’Ambiente negli anni a cavallo tra il 1990 e il 2000, ha subito compreso che non con slogan o norme tampone ed episodiche si può salvare l’ambiente naturale e, quindi, garantire un mondo vivibile alle future generazioni, ma solo attraverso atti concreti capaci di modificare positivamente il comportamento di ogni uomo, grazie a leggi e norme capaci di attivare il tanto decantato “Sviluppo sostenibile e responsabile”. Quindi un deciso abbandono dell’economia lineare, rea dei disastri ambientali del pianeta, a beneficio dell’Economia Circolare, che, come fa la natura, anche ogni suo scarto ritorna nel ciclo del riutilizzo. Edo Ronchi è oggi presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.
Questa è la visione per un futuro sostenibile del ex ministro Edo Ronchi: “La Green Economy è un modello di sviluppo sostenibile, o circolare, che punta all’innovazione delle nazioni tutelando nel contempo l’ambiente naturale e la qualità della vita per ogni essere umano. Gli Stati interessati a questo cambiamento dovrebbero attuare una buona legislazione ambientale – efficace, chiara e non troppo complicata, possibilmente stabile e correttamente applicata. E’ questa una condizione base per la green economy. Molto importante è anche la politica fiscale che spesso incentiva misure negative per l’ambiente , mentre non promuove adeguatamente quelle sostenibili. Uno Stato non dovrebbe solo sostenere gli accordi internazionali per l’ambiente, ma guidare il cambiamento con politiche avanzate, sfidando gli altri Paesi con l’eco-innovazione”.

Carri allegorici “ecologici” del Carnevale di Viareggio 2019
L’educazione e la sensibilizzazione alle politiche ambientali sane passano anche attraverso espressioni artistiche come le ultime presentate nel famosissimo carnevale di Viareggio di quest’anno, dove due artisti, costruttori di carri allegorici e nel contempo ambientalisti, Jacopo Allegrucci e Roberto Vannucci hanno voluto rappresentare nelle loro opere due momenti tragici per questa umanità: la plastica nei mari che ne distrugge la vita e l’uso criminale di potenti veleni in agricoltura che uccidono insetti utili all’uomo, come le api, e minacciano la stessa vita di noi umani.


LA CERIMONIA DELLA MATTINA

Stefano Zanerini è il conduttore della mattinata

Segreteria Commissione Capitolina IV Ambiente

PROGRAMMA MATTINA DEL 27 SETT. 2019 AL CAMPIDOGLIO DI ROMA
( Sala della Protomoteca )
Ore 09,15 – inizio accreditamenti
Ore 09,50 – Proiezione di un breve spot sul rispetto dell’ambiente e Amazzonia
Ore 10,00 – Apertura della cerimonia a cura del Presidente della Commissione Ambiente del Campidoglio Dott. Daniele Diaco
Ore 10,15 – Saluti del Presidente di Accademia Kronos Franco Floris
Ore 10,30 – Presentazione dei premiati da parte della Presidentessa della Commissione Premio “Io Faccio la Mia Parte” prof. ssa Anna Maria Fausto
Ore 10,50 – Breve relazione sullo stato di salute del pianeta Terra (prof. Antonello Pasini – CNR )
Ore 11,20 – Messaggio video dall’Amazzonia in fiamme ed eventuali messaggi del Santo Padre e del Presidente della Repubblica
Ore 11,30 – Inizio consegne riconoscimenti nel seguente ordine:
• Ministro Ambiente della Costa Rica, per le politiche di tutela dell’ecosistema forestale e marino, nonché per la scelta di abbandonare entro 5 anni l’uso dei combustibili fossili – breve intervento
• CUFA – Comando delle Unità forestali, ambientali e agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri
• Governatore della Puglia per la sua politica di difesa del mare dalla plastica e per un attento risparmio energetico
• FIGO ( Federazione Mondiale Ostetricia e Ginecologia) per gli effetti dei cambiamenti del clima sulla riproduzione umana e sulla gravidanza – Prof. ssa Maria Dolores Gomez Roig
• Edo Ronchi, presidente fondazione sviluppo sostenibile, per la costante opera di sensibilizzazione contro l’economia lineare a vantaggio di quella circolare.
• 2 artisti realizzatori di carri allegorici a Viareggio, uno contro la plastica nel Mare e un altro contro l’uso indiscriminato dei pesticidi.
Ore 12,30 Chiusura del Presidente della Commissione Ambiente del Campidoglio Daniele Diaco
Ore 13,00 Fine della cerimonia.

DISTRIBUZIONE GRATUITA DI 2 PUBBLICAZIONI: “Tutela dei cetacei del Mediterraneo” e opuscolo “ Io faccio la mia parte”

LA CONFERENZA SULLO STATO DI SALUTE DEL NOSTRO PIANETA
Oltre alla consegna dei riconoscimenti, la mattinata si articola in altri eventi, tra questi la conferenza del prof. Antonello Pasini (fisico climatologo del CNR) sullo stato di salute del nostro pianeta e la proiezione di brevi filmati girati in Amazzonia e due brevi spots su “Io faccio la mia parte”. A tutti i partecipanti verranno offerte 2 pubblicazioni, una sulla tutela dei cetacei nel Mediterraneo e un’altra sulle norme internazionali per la tutela dell’ambiente naturale.

Articoli correlati

Si è concluso da poco a New York il vertice sul clima organizzato all’ONU. Dopo una delle estati più drammatiche, ambientalmente parlando, degli ultimi anni, con incendi praticamente in tutte le grandi foreste del mondo (dalla Siberia all’Amazzonia, dall’Africa al Sud Est asiatico) e con gli effetti del riscaldamento globale che ormai si stanno palesando in modo macroscopico (si pensi allo scioglimento del ghiaccio artico e di quello della Groenlandia) si sperava che si potesse finalmente assistere ad un deciso cambio di marcia su queste tematiche da parte di una significativa parte dei governi. Almeno di quelli più importanti.

Apprendiamo sgomenti, dalla redazione del giornale online Versilia Today, di un'inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica di Lucca (P.M. Dott. Salvatore Giannino) in merito a presunti, gravissimi comportamenti delittuosi posti in essere da dodici guardie zoofile venatorie che operavano, sotto il nome di Accademia Kronos, all’interno della sezione aggregata territoriale di Lucca nell'area versiliese.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.