La proprietaria di un appartamento a Roma recuperava cani abbandonati e li portava a casa propria, in un “lager infernale”. Immaginate lo stato di igiene e lo stress degli stessi animali, anche se nutriti e abbeverati.

Nonostante le vibranti proteste dei vicini di casa a causa dei cattivi odori e della sporcizia, nessuno aveva avuto il coraggio di intervenire. Alla fine il nostro nucleo di guardie ecologic (Roma Est), con l’autorizzazione del magistrato di turno e con la collaborazione dei servizi veterinari di Roma, è intervenuto e ha chiuso il caso, con l’applauso di tutti i vicini del “lager canino”.

I cani sono stati affidati ad una associazione di volontari animalisti per essere prontamente adottati.

lager canino

Articoli correlati

Territorio ancora sotto controllo da parte dei militari del Comando Stazione Carabinieri di Serre e delle Guardie Ambientali del Nucleo Provinciale Accademia Kronos di Salerno per prevenire e reprimere i reati ambientali. Un'importante attività (circa 20 giorni fa) ha permesso di accertare che il titolare di un'azienda zootecnica da tempo smaltiva illecitamente i reflui provenienti dalle vasche di stoccaggio del letame, direttamente sul terreno dove, sotto forma di rigagnoli, lentamente si infiltrava determinando l'inquinamento del suolo.

In previsione della prossima estate e ,quindi, della forte presenza di turisti nel vicino lago di Vico, viste situazioni anti-ecologiche da parte di molte persone negli anni passati e il rischio degli incendi boschivi, il Sindaco (Mario Mengoni) e l’Assessora all’ambiente (Maura Luzzitelli) del Comune di Ronciglione hanno organizzato un incontro con i cittadini sensibili alle problematiche ambientali per formare una squadra di controllori del territorio come guardie eco-zoofile di Accademia Kronos.

Siamo qui a denunciare una situazione di assoluta emergenza. In zona MONESI, PIAGGIA, BOSCO NAVETTE ,SALSE, UPEGA da tempo si aggirano dei bovini in condizioni di assoluta privazione. Sembrerebbero abbandonati ed in balia di animali da preda, che pur seguendo il loro istinto naturale, sarebbero poi tacciati di pericolosità dalle popolazioni locali. Le temperature e le condizioni della vegetazione in questo periodo invernale non sono certo compatibili con la loro comune condotta di allevamento.

COMMENTA

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.